Festa della Donna a Ortona fa rima con cultura

festa della donna

In occasione della Festa della Donna, un’occasione per unire la giusta celebrazione alla cultura; quattro scrittrici legate a doppio filo con l’Abruzzo e un reading letterario, tra Mimose, Musica e Parole.

L’evento si terrà l’otto marzo a partire dalle 18 al J Coffee Bar di Ortona. Momenti di musica, curati da Giulia Capuzzimato, si alterneranno ai reading letterari di Anna Maria Pierdomenico, Sonia Bucciarelli, Ludovica Schember e Francesca D’Isidoro.

Anna Maria Pierdomenico

Anna Maria Pierdomenico

Anna Maria Pierdomenico, che abbiamo recentemente intervistato in occasione dell’uscita del suo nuovo romanzo storico, presenterà appunto Il giglio insanguinato, giallo ambientato in gran parte nella Parigi del ‘600, dove la volitiva Fiamma Ranieri, tra personaggi realmente esistiti e la fabula architettata dall’autrice, dovrà venire a capo di un complesso intrigo. Il romanzo edito da Tabula Fati sta riscuotendo un successo fuori dal comune per un autrice locale e segue gli ottimi riscontri di pubblico e critica dell’opera prima Rebecca. La figlia del Diavolo.

 

 

Sonia Bucciarelli

Sonia Bucciarelli

Sonia Bucciarelli, altra nostra conoscenza, presenta Dentro il bianco. Altra epoca e ben altro intreccio ma, in comune, la presenza di una protagonista forte e decisa, l’ispettrice di Polizia Claudia De Angelis, vero alter ego della scrittrice, giunta alla terza avventura dopo Scomparsi a Urbino e Oltre gli occhi. La storia è un efficace thriller internazionale, tra temi delicati come il traffico d’organi e introspezione personale della protagonista, il cui rapporto d’amicizia con Gaye, l’altro personaggio, lo rende adatto all’otto marzo.

Ludovica Schember  presenta 22,5 grammi di surrogato (di cioccolato), Un intenso e formativo percorso di vita alla ricerca di una famiglia che possa realizzare sogni, speranze e desideri per dare inizio a una solida realtà di felicità. L’autrice mescola fantasia e spunti realistici, narrando un processo di crescita e assunzione di consapevolezza di una donna – Nila – che, al pari di tante altre, ha avuto un’infanzia caratterizzata da un trauma segnante. La protagonista del racconto troverà la forza di uscire da un cliché imposto dall’esperienza subita per approdare a una dimensione caratterizzata da un approccio completamente diverso ai rapporti familiari.

 

Ludovica Schember

Ludovica Schember

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Francesca D'Isidoro

Francesca D’Isidoro

Francesca D’Isidoro propone invece un libro più classico se si pensa a scenari femminili,  Non lo avevo considerato. La trama la racconta la stessa autrice: “Da quando, due anni prima, Diletta è stata lasciata dal suo fidanzato storico, vive una sorta di regressione emotiva. Non riesce a trovare più nuovi stimoli. Ed è proprio senza alcun entusiasmo che, anche quella sera, si lascia trascinare dalla sua migliore amica nel solito locale…

Francesco è fuggito dalla sua scintillante vita parigina rifugiandosi nella piccola città di provincia che gli ha dato i natali, pur di lasciarsi alle spalle una storia che l’ha distrutto. E, quella sera, ha solo intenzione di divertirsi un po’… Il destino, però, è imprevedibile ed ha in serbo per Diletta e Francesco qualcosa che non avrebbero assolutamente mai considerato…”

Insomma, Mimose, Musica e Parole si propone come un imperdibile appuntamento per celebrare nel modo giusto questa importante ricorrenza, soprattutto in un periodo in cui i tanti progressi nella lotta per la parità di genere, ancora lungi dall’essere una realtà, sembrano messi in discussione.

Articolo offerto da:

Archidea