La moda che verrà

MODA SFILATE AUTUNNO

Le passerelle internazionali della prossima stagione

Grandi novità nella moda della prossima stagione che si affida al colore e al movimento per illuminare la foschia autunnale. Le passerelle di New York, Londra, Parigi e Milano hanno presentato un vortice di creazioni e suggerimenti stilistici ispirati alle parole-chiave di questa stagione: etnico, western, pelle, vinile lucido, spacchi e lamè. Le gonne e i pantaloni sono decisamente ispirati agli anni ’80, pantaloni larghi ma a vita stretta (i famosi pantaloni palazzo), gonne a ruota e longuette con bottoni e spacchi. Colori vitaminici (giallo, rosso, arancio e vinaccia) e brillanti. Anche le stampe tartan very british e quelle animalier sono un must della stagione fredda.

CHANEL: fa sfilare una donna cosmopolita e raffinata, con tailleur corti e lunghi con spacchi profondi, tweed in tinte pastello, hairstyle rockabilly e guanti in pelle tagliati. I ricami si trasformano in armature lucenti, i piumini matelassé (lavorazione Jacquard e disegno a rilievo) in abiti da sera argentei, gli chiffon plissettati e trasparenti sul corpo.
HERMÈS: sulle passerelle cavallerizze metropolitane vestite di pelle nera e cuoio  abbinati a tessuti matelassé e suede. Nessuna esagerazione ma dettagli etnici, come le pietre colorate incastonate sui pantaloni e sulle cinture, mantelli di lana modello Navajo, maxi collane smaltate che ricordano i totem e gli stivali da squaw in suede aranciato.
MARC JACOBS: le sue collezioni autunno-inverno sono un vero omaggio all’haute couture anni ’80: dominano le forme oversize, i colori forti come il giallo, il rosso e il turchese .
I brand italiani, amatissimi dalle star internazionali, nelle fashion week dei mesi scorsi hanno proposto:
GUCCI: lunghi abiti di velluto, sottovesti luminose, giacche in tweed e sneakers  tempestate di strass, bomber abbinati con abiti in pizzo da sera. Sulle stoffe tante paillettes, cristalli, fiocchi e frange. Sul capo turbanti e cloche.
VERSACE: Donatella va oltre e reinterpreta gli anni ’80-’90 e 2000: la collezione riscopre stampe d’archivio anni ’80 e ’90, pelle nera, tessuti tartan, lo stile punk e il western, sciarponi e baschi. I colori tendono al fluo.
PRADA: Prada ha puntato molto sui materiali tecnici come il nylon industriale, pvc e e neoprene e sui colori fluorescenti. Abitini bustier, slipdress stampati, abiti a frange, gonne a portafoglio
ARMANI: donna super femminile con abiti fluidi e giacche lunghe in vero stile Armani. Le pellicce sono multicolor, abbinate a stivali alti e a morbidi turbanti. Tra i colori spiccano nero, rosso, grigio, rosa e azzurro polvere, grigio metallizzato.
MAX MARA: look stravagante e aggressivo. Sui cappotti, spuntano le frange e fantasie maculate. Le gonne e i pantaloni sono maxi, molti in stampa animalier. Il tocco maschile e allo stesso tempo sensuale sono le bretelle, portate scese sui fianchi, semplici o preziose.

Articolo offerto da:

Le dolcezze napoletane
Archidea