Il Paese ritrovato, a Monza nasce il villaggio su misura degli anziani affetti da Alzheimer

Il Paese ritrovatoIl Paese ritrovato

È stato inaugurato a Monza, primo in Italia e secondo in Europa, un villaggio realizzato su misura per i malati di Alzheimer.

Motivo di orgoglio per il sindaco Allevi e per la Cooperativa La Meridiana, artefice di questo progetto destinato a segnare la storia di Monza. A fornire l’idea di base è stato un villaggio costruito in Olanda con le stesse finalità, un luogo in cui le esigenze dei malati vengono messe al primo posto e che non ha niente in comune con le tradizionali residenze per anziani. Ecco allora il sogno diventato realtà anche nel nostro paese: 14mila mq di terreno, appartamenti, negozi, giardini, un bar, una chiesa e un parco. Il dottor Antonio Guaita, direttore scientifico del progetto, ha ribadito che il modo migliore per affrontare questo problema devastante è capire che la soluzione risiede in tutti gli elementi della vita e non in quelli della malattia stessa. Il Paese Ritrovato entrerà in funzione a maggio 2018, gli ospiti saranno selezionati secondo un target ben definito e le famiglie saranno appoggiate per metà del costo dal servizio sanitario regionale.

Ogni appartamento del centro, costituito da 8 camere da letto, è strutturato con appositi sistemi domotici e tecnologici atti a misurare lo stato cognitivo degli anziani. Un esempio pratico è la funzione del televisore: foto e video di famiglia po­tranno essere caricati direttamente sul video e sottoposti agli anziani per stimolare nella loro mente i ricordi, nel contempo un apposito sensore andrà a decifrare la reazione degli spettatori. Inoltre gli anziani saranno dotati di un particolare orologio capace di geolocalizzarli, ma anche in grado di svolgere la funzione di bancomat, consentendo loro di accedere ai diversi servizi offerti dalla struttura, come ad esempio il parrucchiere, pagando attraverso il device dotato di un apposito scanner. In Italia sono circa 600 mila i malati di Alzheimer, pari al 4% della popolazione over 65, con questo progetto si riaccende per tante famiglie la speranza di tornare ad una parvenza di normalità.

Articolo offerto da: