Malattie sessuali, dati in forte crescita

Malattie sessuali, trend in crescitaMalattie sessuali, trend in crescita

di RITA PARISIO

In questi ultimi anni, le malattie sessualmente trasmissibili (Mst) sono aumentate con incrementi da capogiro: +400% i casi di sifilide, +100% quelli di gonorrea, una patologia che, tra l’altro, diventa sempre più resistente alle cure antibiotiche.

L’allarme è stato lanciato in occasione del 56esimo congresso dell’As­sociazione dermatologi ospeda­lieri a Roma. Sono addirittura ricomparse malattie che sembravano debellate. I dati epidemiologici riportati dall’O­rganiz­zazione Mondiale della Sa­nità indicano quattro malattie sessuali tra le più diffuse, oltre all’Hiv: sifilide, gonorrea, clamidia, papilloma. Una delle ragioni principali di questo incredibile boom sembra essere la totale o parziale mancanza di percezione del pericolo. Infatti, secondo il presidente del congresso prof. Cristau­do, la facilità degli incontri sessuali occasionali è stata rafforzata dall’utilizzo di Internet e dei social. In Italia le infezioni da hiv non accennano a diminuire e a contrarre la malattia sono soprattutto i maschi, in prevalenza nella popolazione over 50 e anziana. La sifilide è causata da un batterio chiamato treponema pallidum che provoca una malattia dapprima localizzata che tende poi a diffondersi in tutto il corpo.

La sifilide aumenta fino a 7 volte il rischio di acquisire il virus dell’HIV durante un rapporto non protetto con una persona sieropositiva. La Gonorrea si trasmette per contagio sessuale o attraverso il canale la placenta, spesso asintomatica, se non diagnosticata si diffonde in tutto il corpo per via ematica e può causare infiammazioni alle articolazioni, alla pelle, alle ossa, ai tendini e al cuore. La Clamidia è un’in­fezione che genera sia nella donna che nell’uomo secrezioni anomali, prurito e sanguinamento. Se non curata diventa causa di seri problemi all’apparato riproduttivo. Il Papilloma virus o HPV genera una delle infezioni più frequenti che colpisce le donne; può essere trasmesso attraverso contatti cutanei e delle mucose, per questa ragione il solo preservativo non basta a prevenire il contagio.

Articolo offerto da: