I ristoranti più stravaganti del pianeta? Eccoli

Labassin Waterfall restaurantLabassin Waterfall restaurant

Sul sito SiViaggia sono elencati i 10 ristoranti più stravaganti del mondo, location davvero uniche, grotte, cascate, alberi, fondali marini, dove trascorrere ore indimenticabili all’insegna del buon cibo.

Si inizia con il Labassin Waterfall Restaurant, nelle Filippine, situato ai piedi della cascata Labassin e con i tavoli poggiati sull’acqua. In Thailandia il The Dining Pod, suggerisce l’idea di un nido incastonato tra i rami. Questo micro ristorante è riservato per lo più alle coppie in luna di miele. Della stessa tipologia è il Redwoods Treehouse in Nuova Zelanda, una sorta di casa sull’albero di forma sferica. In Cina, nei pressi di Yichang, il Ristorante Fangweng è arroccato su una scogliera a strapiombo con vista mozzafiato. Suggestivo e di grande impatto scenico, la Cave Restaurant Ali Barbour, a Diani Beach, in Kenya, di notte risplende al lume di candela. Conosciuto in tutto il mondo è il ristorante Dinner in the Sky, un tavolo di circa 20 posti sospeso nel vuoto e sorretto da una gru, i commensali, com’è ovvio sono completamente imbragati.

Anche l’Italia vanta uno dei ristoranti più suggestivi al mondo, si tratta di Grotta Palazzese, a Polignano a Mare, ricavato in una grotta, con i tavoli sono disposti a pelo d’acqua. Alle Maldive, invece, si trova l’Ithaa Undersea Restaurant, uno dei più incredibili del pianeta, un tunnel sottomarino completamente di vetro, immerso nei fondali dell’Oceano Indiano, in cui si mangia circondati da ogni specie di pesci tropicali, squali compresi. Un posto simile si ritrova a Eliat, in Israele, si chiama Red Sea Star, ed è immerso nelle acque cristalline del Mar Rosso, con enormi oblò che consentono una visuale incredibile ai commensali. Infine, a Bordeaux, in Francia il Wave Surf Cafè è un posto privilegiato dai giovani surfisti che durante i pasti, a base di hot dog e patatine, possono fare surf in una piscina apposita che riproduce le onde.

Articolo offerto da:

Archidea