A Pescara 2° Convegno di Medicina e Psicologia dello Sport: “La salute dello sportivo tra tutela e innovazione”

sport abruzzo

La salute dello sportivo tra tutela e innovazione’ è questo il titolo del convegno di Medicina e Psicologia dello Sport in programma per il 6 maggio 2022, dalle 9,30 nella Sala Flaiano dell’Aurum di Pescara. L’iniziativa, a cura l’Associazione M.I.t.R.A. (Muoversi Insieme tra Realtà e Affini Onlus), con il contributo della M.d.S. srl (Medicina dello Sport) e del C.P.S. (Centro di Psicologia dello Sport), si avvale della direzione scientifica di Vittorio De Feo (Presidente FMSI Abruzzo, Medico specialista in Medicina dello Sport) e del patrocinio Comune di Pescara del Comitato Regionale Abruzzo FMSI dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Pescara, dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, del Comitato Regione Abruzzo CONI. Il convegno è alla sua seconda edizione, dopo il primo appuntamento dedicato alla Valutazione e idoneità medico-sportiva. Legislazione, ricerca e applicazione per il prossimo futuro, che si è svolto nel 2019. Anche stavolta professionisti, studiosi e esperti di sport si ritroveranno per ragionare e approfondire a livello scientifico il legame tra medicina e psicologia dello sport nell’ottica dell’integrazione interprofessionale e multiprofessionale e interistituzionale. Testimonial dell’eventoFrancesca Salvatore, CT della Nazionale di Futsal Femminile, una delle prime donne a conquistare il patentino da allenatrice di primo livello (2013), prima in assoluto a vincere uno scudetto con il Montesilvano nella stagione 2010/2011. L’iniziativa alla quale parteciperanno anche gli studenti del Liceo Scientifico Sportivo dell’I.I.S. Volta è riservata a 100 partecipanti tra medici con varie specializzazioni, biologi,dietisti, psicologi e tecnici della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare. Il convegno è gratuito e darà diritto a 6 crediti formativi. Per iscriversi è necessario registrarsi sul sito: www.nsmcongressi.it dove sono reperibili tutte le informazioni dettagliate.

La Medicina dello Sport è sempre stata – con la recente pandemia lo è oggi più che mai – una disciplina fondamentale per la prevenzione di patologie non solo a livello muscolo-scheletrico, ma anche polmonare, cardiaco, neuronale e psicologico. In forza della necessità di valutare l’atleta nella sua completezza costituisce, infatti, un’opportunità unica per promuovere la salute e il benessere delle persone che praticano o intendono praticare un’attività fisica. La Psicologia dello Sport, in quanto studio scientifico del comportamento umano delle stesse persone, diventa una disciplina complementare sul piano sia conoscitivo che applicativo. Mettendo insieme medici, ricercatori, dietisti, tecnici respiratori, psicologi e psicoterapeuti, il convegno mira a definire uno spazio interdisciplinare entro cui condividere protocolli, terapie e buone prassi. Nella prima parte della giornata si partirà dal ruolo della prevenzione e quindi dalla Medicina dello Sport, facendo riferimento oltre che alla responsabilità medico legale anche alla recente situazione pandemica. Si procederà, poi, valutando l’ambito della psicologia clinica dello sport e quello della preparazione mentale fino a considerare gli scenari futuri legati al benessere dell’atleta.

Nella seconda parte della giornata si entrerà nel merito dell’accesso a cure e terapie specifiche, delle valutazioni fisiologiche del trekking in alta quota e verrà illustrata la possibilità di migliorare la qualità del sonno nell’atleta, anche in considerazione del problema delle apnee notturne. Saranno prospettate le criticità presenti nei sistemi e nelle relazioni entro cui si svolge la crescita dell’atleta odierno, evidenziando l’età adolescenziale. Si chiuderà la sessione con il valore indiscusso della progettazione a livello regionale ed europeo, necessaria a sviluppare in ambito sanitario una nuova cultura sportiva. Di particolare rilievo in questa seconda edizione sarà la figura dello psicoterapeuta nei Centri di Medicina dello Sport di 3° livello della Regione Abruzzo, innovazione rivolta a sollecitare modelli organizzativi e servizi innovativi da riservare a persone e atleti di ogni livello. Gli interventi favoriranno uno scambio di esperienze e conoscenze tra esperti provenienti da diverse regioni.

Nel dettaglio in programma prevede per le 9,30 la registrazione dei partecipanti, dopo i saluti delle autorità si entrerà nel vivo dell’incontro, introdotto e coordinato dalla giornalista Evelina Frisa con gli interventi di Vittorio De Feo e della psicoterapeuta e psicologa dello sport nonché presidente M.I.t.R.A onlus Margherita Sassi sul tema: “Medicina e Psicologia dello Sport nella Regione Abruzzo“, facendo il punto su quello che il primo convegno a Pescara di Medicina e Psicologia dello Sport ha favorito e sugli obiettivi futuri. Moderati dal presidente A.M.S.D. Pescara, Evanio Marchesani seguiranno gli interventi di: Vincenzo Ostilio Palmieri, professore associato della Scuola di Specializzazione in Medicina dello Sport dell’Università di Bari il quale parlerà della “sostenibilità ambientale nello sport e nell’esercizio fisico”; Ildo Polidoro, direttore del dipartimento di prevenzione della ASL di Pescara, relazionerà su “La tutela del diritto allo sport e la responsabilità medico legale del valutatore”; Massimo Gobbi, responsabile U.O.S. dipartimentale Medicina dello Sport della ASL di Pescara affronterà il tema del “test cardiopolmonare nell’atleta”. Dopo una breve pausa caffè, moderati dal vicepresidente CR Abruzzo FMSI, Luca Fallavolita interverranno: Gianfranco Gramaccioni, medico dello sport, psicoterapeuta e docente della Scuola Regionale dello Sport del CONI Marche sul tema “Preparazione mentale e psicologia clinica dello sport: due ambiti separati?“; Maria Grazia Taglieri, medico specialista in Medicina dello Sport, M.d.S. srl, parlerà dei “Protocolli FMSI per il ritorno all’attività sportiva agonistica in atleti post Covid”Scenari futuri, Sport e benessere dell’Atleta” è il focus della relazione di Simone Di Zio, professore associato del dipartimento di Scienze Giuridiche e Sociali dell’Università “G. d’Annunzio” Chieti-Pescara. Seguirà l’intervento della testimonial Francesca Salvatore e un dibattito.

I lavori riprenderanno dopo la pausa pranzo e saranno introdotti e coordinati dal giornalista Francesco Colagreco. Moderati dalcoordinatore Formazione CR Abruzzo FMSI Vincenzo Santuccione, interverranno: Vittore Verratti, medico fisiologo, professore associato di Scienze dell’Esercizio e dello Sport all’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, dipartimento di Scienze Psicologiche, della Salute e del Territorio, sulle “Valutazioni fisiologiche del Trekking in alta quota”; il tecnico di fisiopatologia respiratoria della ASL di PescaraPierpaolo Prosperi affronterà il tema del sonno e apnee notturne. Un disturbo sottovalutato tra la popolazione sportiva”. Quindi lapsicoterapeuta, psicologa dello sport e presidente del C.S.A.P.R. di Prato Daniela Tortorelli interverrà sul tema: “Promuovere la salute e la performance dell’atleta tra dinamiche familiari e attività agonistica”. Il progetto regionale ‘Palestre della salute’ e ‘Palestre sicure’: l’inizio di un lavoro integrato” è il titolo dell’intervento di Andrea Di Blasio ricercatore dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, dipartimento di Medicina e Scienze dell’Invecchiamento. Concepción Avilés Tortosa, coordinatrice Erasmus+ Instituto de Educación SecundariaIES Torreón del Alcázar Ciudad Real, affronterà (in collegamento) il tema: “Dietetica e attività sportiva. La nostra esperienza Erasmus”. Seguirà una discussione e la compilazione dei questionari ECM. Ad arricchire l’appuntamento le “vignette dal vivo” con il fumettista e vignettista, Fabrizio Pluc Di Nicola, il quale disegnerà in estemporanea delle vignette umoristiche sui temi affrontati.

Articolo offerto da: