L’Aquila, oncologia: arriva Dignicap

dignicap

Dignicap, un nuovo macchinario all’avanguardia, è stato acquistato dall’ospedale San Salvatore con i fondi (40.000 Euro) raccolti dalle due associazioni onlus Morena Una Farfalla Per Sempre e Una storia Felice. Funziona sull’80% dei malati che fanno chemio e serve a prevenire la caduta dei capelli conseguente a questa terapia.

L’ospedale aquilano è il primo a introdurlo in Abruzzo. Il malato oncologico, sottoposto a chemioterapia, indossa una specie di cuffietta in silicone che, tramite un dispositivo computerizzato, fa circolare un liquido refrigerante che porta progressivamente a 4°C la temperatura del cuoio capelluto. Ciò determina la vasocostrizione e impedisce di perdere i capelli, con grandi benefici estetici ma soprattutto psicologici.

Il macchinario, inventato negli anni scorsi in Svezia, è stato progressivamente migliorato sul piano della funzionalità e può essere utilizzato per tutti i malati oncologici, con risvolti psicologici importanti soprattutto nelle donne per le quali la perdita dei capelli ha un impatto più sentito.

Il dispositivo è stato presentato all’ospedale dell’Aquila nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato, tra gli altri, il manager della Asl, Rinaldo Tordera, il sindaco Pierluigi Biondi, il professor Corrado Ficorella, direttore di oncologia con la dottoressa Katia Cannita.

A giugno, all’ospedale aquilano verrà donata una seconda apparecchiatura, grazie al lodevole impegno dell’associazione Red Blue Eagles, ultrà dell’Aquila calcio.

Articolo offerto da: