Meraviglie d’Oriente: la foresta di pietra

foresta di pietra

Lo Yunnan è una delle province della Cina con i paesaggi più variegati e singolari: a sud le giungle tropicali, a nord le montagne himalayane, all’interno, paesi e genti.

Oltre al capoluogo Kunming, ci sono numerosi luoghi da visitare, su tutti, per suggestione e bellezza naturale, la foresta di pietra, situata nella parte sud-occidentale. Per arrivarci ci vogliono tre ore e mezzo di pullman da Kunming. Lungo il percorso, si possono vedere villaggi abitati dalle minoranze etniche che, nei loro costumi nazionali, lavorano i campi. Avvicinandosi, si scorgono, da lontano, una miriade di giganteschi picchi grigiastri che si stagliano contro il cielo. Questa foresta di pietra, chiamata Shilin copre una superficie di 30 mila ettari di cui solo 80 aperti alle visite turistiche. In epoca preistorica la zona era invasa dal mare, grazie ai mutamenti geologici, il fondo marino diventò terra emersa e le pietre vennero alla luce del sole, formando così la meraviglia di oggi. Sugli spuntoni di roccia sono incise molte poesie scritte dai poeti antichi per elogiare la magnificenza del paesaggio, ma la vera sorpresa è un grande macigno sospeso tra due spuntoni di roccia, dal nome “ Qian Jun Yi Fa”, che in cinese significa 2 mila chili appesi a un capello”.

Articolo offerto da: