La scuola Lionni-Cascella di San Silvestro diventa cantiere

I bambini in via RubiconeI bambini in via Rubicone

Sono ufficialmente partiti ieri i lavori di ristrutturazione e adeguamento sismico alla scuola di San Silvestro. Gli alunni da ieri sono stati trasferiti nella scuola di via Rubicone.

Ad accogliere ieri i bambini con la dirigente Ada Grillantini, c’erano l’assessore alla Pubblica Istruzione Giacomo Cuzzi e il responsabile del servizio Edilizia Scolastica Marco Polce, insieme agli operai comunali che hanno curato l’adeguamento della sede che ospiterà i ragazzi fino a lavori ottenuti e i responsabili del cantiere della scuola di San Silvestro.

“Stringeremo al massimo i tempi – così l’assessore alla Pubblica Istruzione Giacomo Cuzzi – Per restituire alla comunità una scuola bella, sicura e comoda entro il prossimo anno scolastico. Consegneremo alla ditta appaltatrice i lavori in settimana e si potrà finalmente iniziare.

E’ stato bello vedere animata la scuola di San Donato che ospita i ragazzi, sono stati svolti dei lavori di riqualificazione anche nella struttura ospitante, che ha una mensa, aule rinnovate e riqualificate, perché i bambini saranno lì fino alla fine di questo anno e per la prima parte del prossimo anno scolastico. Contiamo di dare buone notizie alle famiglie alla fine del 2018. A breve, invece, attiveremo anche il trasporto gratuito che il Comune affiderà attraverso la gara che è stata indetta e per cui dovremmo già avere un soggetto interessato. Sbrigate le procedure burocratiche, attiveremo anche quello, in modo da diminuire ancora di più i disagi alle famiglie che ringrazio per la grande collaborazione che ci hanno accordato su un cammino condiviso con loro e con la scuola sin dall’inizio del progetto.

Saremo felici di far suonare al più presto la campanella nei plessi della scuola Lionni-Cascella, la cifra investita è grande, 800.000 euro e l’intervento è importante e necessario, ma soprattutto ci consentirà di restituire al quartiere un complesso che non potrà affatto essere considerato “periferico”, ma di prima qualità.

Com’è noto: interveniamo su un edificio che aspetta da troppo tempo una riqualificazione, il progetto concepisce la scuola come nuovo polo di centralità anche del quartiere, quindi alla fine avremo una scuola sicura, più bella ed efficiente. Infatti i lavori prevedono anche l’adeguamento energetico dell’edificio, in modo che il calore non si disperda, i consumi siano ottimizzati sempre. Avrà un carattere distintivo con la facciata a vetri dominata da un enorme pesce “Guizzino”, creatura nata dalla fantasia dell’illustratore Leo Lionni al quale la scuola è intitolata”.

 

Articolo offerto da:

Bar Roberto