Stop alle affissioni abusive a Spoltore

Una delle affissioni a SpoltoreUna delle affissioni a Spoltore

Parte la guerra alle affissioni abusive e al sovraffollamento dei manifesti sulle mura cittadine. “Vogliamo imporre uno stop a certe brutture che rovinano il paesaggio, con impianti poco armonici nel contesto urbano” mette in chiaro il sindaco Luciano Di Lorito.

Lo strumento per farlo è il nuovo piano delle affissioni: il Comune ha dato l’incarico di redigerlo a Massimo Pitocco, un professionista specializzato. Tra le novità, la disciplina degli impianti pubblicitari da collocare sulle fermate dei mezzi di trasporto pubblici e nel centro storico: un nuovo sistema sanzionatorio andrà a combattere le installazioni abusive.

Secondo le linee guida, il piano generale degli impianti pubblicitari sarà realizzato dopo una fase di concertazione con tecnici e amministratori dell’Ente, che comprenderà l’analisi del regolamento esistente e dello situazione attuale. Per questo è previsto un censimento degli impianti pubblicitari esistenti avendo cura di evidenziare gli impianti da dismettere in quanto associati ad attività non più esistenti.

Il regolamento comunale sarà adeguato alla normativa nazionale sia per quanto riguarda gli impianti pubblicitari esistenti autorizzati, sia per quelli non autorizzati o non conformi per dimensioni o spazi occupati.
“Dobbiamo ancora recepire norme nazionali che risalgono all’inizio degli anni ’90” rileva l’assessore Chiara Trulli. “C’è un grosso ritardo e la conseguenza è la presenza di numerosi cartelli e impianti storti, arrugginiti, o che si riferiscono ad attività chiuse da molto tempo”.

Altri obiettivi del piano sono l’adeguamento della modulistica per l’inoltro delle richieste di installazione degli impianti pubblicitari, la predisposizione di schede tipo, a seconda delle tipologie di impianti pubblicitari, e la revisione delle tariffe (spese di istruttoria e diritti) e dei corrispettivi per il rilascio di autorizzazioni per l’installazione di mezzi pubblicitari.

Articolo offerto da: