Testa: “Mi candido perché conosco le problematiche del territorio”

Guerino Testa, durante la conferenza stampaGuerino Testa durante la conferenza stampa

Presentazione ufficiale ieri al Museo Genti D’Abruzzo per il candidato della coalizione di centrodestra alla Camera dei Deputati al Collegio uninominale di Pescara, Guerino Testa.

Alla conferenza stampa sono intervenuti il candidato il coordinatore regionale di FDI, Etel Sigismondi, il coordinatore regionale di FI Nazario Pagano e il coordinatore regionale Udc – Noi con l’Italia, Enrico Di Giuseppantonio (assente giustificato il coordinatore regionale della Lega), mentre nella platea c’erano i candidati Alessandra Petri, Carlo Masci, Antonio Tavani, Lorenzo Sospiri, Capogruppo di FI in Consiglio Regionale, oltre a tantissimi consiglieri comunali (tra gli altri Marcello Antonelli capogruppo FI in consiglio Comunale, Valter Cozzi, Coordinatore provinciale e assessore al Comune di Montesilvano per l’Udc Noi con l’Italia, oltre a Massimo Pastore e Alfredo Cremonese consiglieri comunali di Pescara (FDI), Matteo Perazzetti consigliere comunale FdI a Città Sant’Angelo, Vincenzo D’Incecco e Fabrizio Rapposelli, consiglieri comunali di FI e gli ex assessori Stefano Cartelli, Gianni Santilli e Ricotta).

“Faccio un grandissimo in bocca al lupo a tutti i presenti candidati alle prossime Politiche – ha detto Guerino Testa prendendo la parola. Il primo appello accorato è stato quello in cui ha invitato gli elettori “a fare sì che i rappresentanti del nostro collegio vengano eletti a Roma con una legittimazione popolare ampia” E il secondo appello è nei confronti dei cittadini “affinché votino il centrodestra perché solo il centrodestra, come testimoniano i sondaggi, è in grado di raggiungere la maggioranza e garantire la stabilità di governo”.

“Mi sono candidato anche perché ho avuto una importante esperienza sul territorio: da consigliere comunale, ma anche e soprattutto da presidente della Provincia di Pescara: conosco bene le caratteristiche, le problematiche e le aspirazioni del nostro territorio”

E poi si è soffermato su alcuni punti del programma come la Flat tax, “una riforma del sistema tributario molto importante – ha spiegato il candidato di centrodestra – che libererebbe risorse da investire per i cittadini e per le imprese del nostro territorio”, passando per “un nuovo rapporto serio con l’Europa: noi vogliamo stare in Europa, ma abbiamo bisogno di una revisione dei trattati e di portare avanti battaglie decisive per i nostri territori. Si parla tanto di turismo – ha aggiunto – abbiamo tanti operatori di settore sul nostro territorio che vanno tutelati e ci adopereremo contro la legge Bolkestein”.

“Questi sono alcuni dei temi fondamentali presenti nel programma del centrodestra, un programma asciutto, ma con dei punti precisi che si possono realizzare con una coalizione forte e coesa come quella che noi abbiamo”.

 

Articolo offerto da: