Pescara, violenza sessuale: arrestato un bulgaro

Pattuglia dei CarabinieriPattuglia dei Carabinieri

M.E., 35enne bulgaro, senza fissa dimora, è stato tratto in arresto dai Carabinieri della compagnia di Pescara per il reato di violenza sessuale ai danni di una signora.

I fatti risalgono alla notte del 27 gennaio quando la vittima, mentre si trovava presso il portone di casa del suo condominio a Pescara, di rientro da una serata conviviale trascorsa con amici, è stata avvicinata dall’uomo che, con la scusa di chiedere una sigaretta, ha iniziato dapprima a palpeggiarla e poi ha cercato con la forza di consumare un atto sessuale. La vittima è riuscita a divincolarsi e a premere il citofono di casa. Il figlio, sentite le urla, è sceso da basso, si avventato sull’uomo ed è riuscito a metterlo in fuga.

Le immediate e serrate indagini condotte dai Carabinieri della Stazione di Pescara Scalo hanno consentito di risalire – dopo neanche 36 ore – all’identificazione del responsabile della violenza, giungendo al suo rintraccio, sempre in Pescara, sottoponendolo a fermo d’iniziativa, atteso il pericolo di fuga (il soggetto è senza fissa dimora). Il bulgaro è stato poi tradotto presso la locale casa circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il Pm Andrea Papalia ha poi chiesto al Gip, oltre alla convalida del fermo (avvenuta), anche l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare che nella mattinata odierna è stata notificata al soggetto presso il carcere di San Donato.

Articolo offerto da: