Il Perugia espugna l’Adriatico, il Pescara non c’è

Pettinari, contrastato da un giocatore del PerugiaPettinari, contrastato da un giocatore del Perugia

Nell’anticipo della ventitreesima giornata di serie B, impresa del Perugia che esce col bottino pieno dall’Adriatico. Gli umbri vanno in rete prima con Kouan al 26’ del primo tempo e poi raddoppiano all’89’ con Di Carmine. Per il Pescara decisamente una serata negativa da dimenticare.

Le reti:

Parte subito bene il Pescara, che al 10′ si fa vedere subito con Capone che punta Volta ma l’esperto difensore non si fa superare e mette in fallo laterale; un minuto dopo ancora Pescara. Cross potente di Mancuso, Del Prete sul secondo palo stoppa la sfera evitando l’intervento degli avversari.

Al 13’ si fa vedere il Perugia, con  Bandinelli che  prova una conclusione da 35 metri per sorprendere Fiorillo, palla che termina ampiamente a lato tra i fischi dei tifosi locali.

Ancora il Perugia, al 17’ Di Carmine sbaglia una conclusione al volo, lasciando la sfera così al suo compagno: il diagonale del centrocampista è preda di Fiorillo.

Occasione per il Pescara, al 20’  Capone per Mancuso, cross basso al centro con Dellafiore che allontana: Pettinari troppo solo non può arrivare sul pallone; botta e risposta tra Pescara e Perugia, al 22’ Kouan prova ad inserirsi in area, Brugman lo ferma di fisico con Fiorillo che, in uscita, fa suo il pallone.

Tre minuti più tardi si fa vedere ancora il Pescara, con Brugman pesca ancora Mancuso solo in area: cross al centro per Pettinari, pallone forte che Dellafiore allontana. Al 27’ il Perugia si porta in vantaggio.  Cross di Del Prete, inserimento del centrocampista che di testa buca Fiorillo.

Alla mezzora di gioco il Perugia si rende ancora pericoloso con un azione personale di Pajac, il laterale non controlla e si porta la sfera sul fondo, con Crescenzi che ne difende l’uscita.

Cinque minuti più tardi c’è un cross di Mazzotta, sul secondo palo il terzino stoppa ma Pajac gli devia il pallone in angolo prima del tiro; al 41’  conclusione anche per Valzania, palla toccata da Volta che quasi si trasforma assist per Campagnaro: il difensore del Grifo recupera ed allontana.

Si fa vedere ancora il Pescara, al 44’ Brugman entra in area e cade a terra, Pezzuto da ottima posizione dice che non ci sono gli estremi per il calcio di rigore; un minuto dopo al 45’ palo di Capone. Colpo di tacco di Brugman che libera l’esterno: il suo diagonale batte Nocchi ma trova il legno che gli nega la gioia del gol.

Nella ripresa non cambia nulla anzi il Perugia al 47’ spreca una ghiotta occasione: altro cross di Del Prete, questa volta di sinistro, Cerri manda di testa a lato.

Prima al 55’ e poi al 56’ c’è una doppia occasione per il Perugia: Di Carmine , colpo di tacco incredibile della punta che devia in porta un cross di Bandinelli, respinge Fiorillo. Al 56′ stupenda giocata di Di Carmine, altrettanto bella la respinta di Fiorillo che con un riflesso nega il gol alla punta avversaria.

61′ Cappelluzzo prova a salvare un pallone lanciato da Carraro: la punta non riesce però ad evitare la rimessa dal fondo. Reagisce il Pescara che al 66’ crea un occasione per pareggiare: Mancuso arriva sul fondo e crossa, palla però che esce sopra la porta di Nocchi.

Al 72’ ci prova ancora il Pescara, cross di Crescenzi, colpo di testa di Cappelluzzo che manda a lato:  il Pescara chiede il calcio d’angolo, per Pezzuto è rimessa dal fondo. Dieci minuti più tardi occasione per il Perugia. Contropiede, Di Carmine scodella per Bonaiuto che sfiora in area: Fiorillo, in tuffo, blocca il pallone.

84′ Altro contropiede del Perugia, Di Carmine calcia di potenza ma Perrotta con il piede respinge la conclusione. Nei minuti finali della partita esattamente al 90’ il Perugia raddoppia : apertura per Pajac che mette al centro, Di Carmine sottoporta insacca con un tocco imprendibile per Fiorillo.

91’ commenti finali:

Al termine della partita il primo ad entrare soddisfatto della vittoria ottenuta dalla sua squadra è il tecnico del Perugia, Roberto Breda che dice la sua sulla gara: “Adesso godiamoci questa vittoria ma dimentichiamola in fretta, perchè abbiamo già dimostrato di non essere molto continui. Abbiamo fatto una prestazione attenta e di qualità anche se nel primo tempo abbiamo sofferto, soprattutto all’inizio. Nel secondo tempo abbiamo avuto più occasioni. Dobbiamo rimanere concentrati e lavorare con questa tensione positiva”.

“Il modulo sta dando risultati perché ci dà compattezza e solidità però i quinti devono migliorare i movimenti, ci deve essere grande collaborazione tra la mezz’ala e l’esterno. Nel secondo tempo lo abbiamo interpretato meglio e credo che potevamo chiuderla prima. La nostra crescita è ancora lunga però almeno questa vittoria ci consente di respirare in classifica”. “In Serie B ci sono pochi attaccanti che vedono la porta come Di Carmine, bello il colpo di tacco. Kouan è giovane ma con la testa sulle spalle. Stasera è partito male, poi si è ripreso grazie al gol. Deve restare tranquillo e continuare a lavorare. I nuovi arrivati sono di qualità, vediamo cosa accadrà nei prossimi giorni..è la società che si occupa del mercato”. “Io “normalizzatore”? Si ma anche io mi arrabbio

Insoddisfatto è il tecnico del Pescara, Zeman, che commenta così il dopo partita:  “Abbiamo fatto una buona mezz’ora ma non siamo mai stati in grado di trovare un attaccante libero. Con l’ingresso di Cappelluzzo speravo in qualche colpo di testa. Vorrei vedere Mancuso e Capone dentro l’area di rigore, se vengono fuori area non mi servono. Campagnaro si è allenato tutta la settimana e ha avuto la sua possibilità e mi è piaciuto molto. Per il mercato avrei bisogno solo di un altro centrocampista. Zampano è andato in A ed è giusto così. Benali per me non è un centrocampista e spero possa esprimersi al meglio a Crotone”.

PESCARA ( 4-3-3)  Fiorillo, Crescenzi, Campagnaro, Perrotta, Mazzotta, Valzania, Carraro, Brugman,  Mancuso, Pettinari, ( dal 54’ st Cappelluzzo)  Capone. ( dal 63’st Baez)  A disp: Savelloni, Balzano, Kanoutè, Yamga, Coda, Elizalde, Cocco, Cappelluzzo, Coulibaly, Baez. All. Zeman

PERUGIA ( 3-5-2) Nocchi, Volta, Dallafiore, Belmonte, Del Prete, ( dal 80’st  Gustafson ) Kouan, Colombatto, Bandinelli, Pajac, Cerri, ( dal 73’st Bonaiuto) Di Carmine. (dal 90’ +1’ st Terrani)  A disp: Santopadre, Monaco, Gustafson, Bonaiuto, Dossena, Bianco, Terrani, Germoni. All: Breda

Arbitro:  Pezzuto di Lecce

Assistenti: Borzomì – Mastrodonato

IV uomo: Abbattista di Molfetta

Reti: 26’pt Kouan,  89’st Di Carmine

Ammoniti: Volta ( Pg), Perrotta ( Pe) ; Kouan ( Pg) Cappelluzzo ( Pe) Pajac ( Pg)

Angoli: 4 Pescara, 2 Perugia

Recupero: 0’pt; 4 st’

 

Articolo offerto da: