AcquaeSapone Unigross, ecco il “fuoriquota” Junior

juniorjunior

L’AcquaeSapone Unigross ha perfezionato l’acquisto dell’atleta Ivan Alves Junior.

Il pivot 45enne di Belo Horizonte occuperà la casella del giocatore straniero rimasta vacante nel roster di mister Ricci. Junior, che dal precampionato lavora con i nerazzurri (ed è anche allenatore della squadra Allievi), già dal prossimo impegno ufficiale potrà essere utilizzato e tornare a respirare il clima della serie A, dalla quale manca ormai da diverse stagioni, vent’anni dopo il suo sbarco in Italia, nel 1997 ad Augusta.

“Da parte della società il giusto riconoscimento per l’impegno profuso in questo inizio di stagione e per tutto quello che ha dato finora al mondo del calcio a cinque italiano – ha detto il ds Gabriele D’Egidio – . E’ una giusta ricompensa per fargli vivere un’altra stagione da protagonista alla pari degli altri ragazzi, con i quali sta lavorando dalla scorsa estate”.

Stasera, i nerazzurri in campo a Colleferro, per il terzo turno eliminatorio contro la Anni Nuovi Ciampino, quarta forza del girone B di serie A2 guidata dal 43enne Mauro Micheli. “Il ko contro il Kaos ci ha messo addosso tanta rabbia, avremmo voluto giocare il giorno dopo e invece quella partita ci è rimasta nella testa per quindici giorni. Contro Ciampino non si può sbagliare: partita importante contro una squadra che gioca in A2, ma ha qualità. Già altre grandi di A hanno perso in Coppa, noi dobbiamo fare il nostro lavoro e vincere anche questa battaglia”.

Mister Ricci intanto fa il punto dopo il successo sul Cisternino: “Venivamo da una sconfitta a Reggio Emilia, da una partita in cui non siamo espressi nel migliore dei modi. Dopo la sosta volevamo rimetterci in riga e dimostrare a noi stessi in primis qual è il nostro valore. Abbiamo meritato contro il Cisternino, squadra che ha onorato la partita in modo ottimo, siamo primi e ci interessa arrivare alle competizioni importanti tenendoci questo primo posto. Abbiamo visto l’anno scorso quanto è stato importante non essere arrivati nei primissimi posti, non potendo giocare le partite decisive in casa. Le altre sono lì, non perdono una battuta, quindi dobbiamo cercare di conquistare tutte le vittorie possibili”.

Articolo offerto da:

Archidea