A Simone Arena la borsa di studio Levi – Montalcini

Il vincitore della borsa di studio insieme al sindaco Di LoritoIl vincitore della borsa di studio insieme al sindaco Di Lorito

Non è mancato un momento di commozione durante la cerimonia per la consegna della borsa di studio che l’associazione Levi-Montalcini ha dedicato al ricordo di Massimo e Luca Di Vita, due ragazzi di Spoltore scomparsi prematuramente dopo un incidente stradale nel 1997.

Ad aggiudicarsela per il suo rendimento nei cinque anni di scuole elementari è stato Simone Arena, (accompagnato dal fratellino Samuele e dai genitori Luca e Chiara). Il riconoscimento (un contributo economico di 300 euro gli è stato consegnato dal sindaco Luciano Di Lorito, alla presenza dell’assessore alla cultura Roberta Rullo e della dirigente scolastica Anna Maddalena Belcaro. Tutt’intorno i familiari di Massimo e Luca.

La loro mamma Antonietta ha letto un messaggio dedicato a Simone, seduta accanto al papà Gianfranco. “Come spesso accade, in queste occasioni è sempre difficile spendere parole in ricordo dei propri figli, specie davanti a chi si è adoperato fattivamente per ravvivare questo ricordo”. Quasi due anni fa, Piera Montalcini, nipote della scienziata Premio Nobel, in risposta ad una lettera della famiglia Di Vita, decise di istituire la borsa di studio in collaborazione con il Comune di Spoltore. “Oggi si corona un sogno: quello di aiutare i ragazzi più meritevoli, ricordando il nome di Massimo e Luca, e questo è possibile grazie alla sensibilità dell’Associazione Levi-Montalcini”.

Alla fine il momento dei saluti e della foto di gruppo, accompagnato dal motto dell’associazione: “il futuro ai giovani!” Il primo cittadino Di Lorito ha consegnato ai genitori di Luca e Massimo un omaggio floreale.

Articolo offerto da: