Italia – Algeria business summit

Il presidente della Camera di Commercio Daniele BecciIl presidente della Camera di Commercio Daniele Becci

Una sala gremita di imprese, 50 algerine e 60 italiane per “Italia-Algeria Business Summit 2017”, un importante incontro internazionale di carattere istituzionale e imprenditoriale.

L’evento è stato organizzato dal Centro Estero Abruzzo in collaborazione con World Trade Center Pescara e World Trade Center Algiers e con la partecipazione di tre Lead Sponsor, due grandi aziende, Proger e Condotte, e La Gal Maison Mattei, associazione che riunisce le aziende italiane operanti in Algeria. Protagoniste indiscusse, dunque, delle due giornate di lavori (oggi e domani), le aziende: quelle italiane, sia già operanti in Algeria ma interessate a rafforzare il proprio network , sia quelle non ancora attive nel Paese  ma che con curiosità si rivolgono a questo nuovo potenziale mercato; e quelle algerine che all’Italia e all’Abruzzo guardano con la volontà di intraprendere nuovi rapporti commerciali.

Il presidente del Centro Estero Abruzzo, Daniele Becci, nel ringraziare la presenza dell’Ambasciatore e dei vertici di Confindustria Algeria (FCE), ha sottolineato come “il Centro Estero, sia a lavoro da anni per promuovere questo genere di incontri. L’incontro diretto – ha rimarcato – resta, nella nostra convinzione, il miglior modo per soddisfare la comune esigenza di confronto e conoscenza prima ancora che economica. L’augurio è che questo evento possa rispondere appieno a tali necessità , offrendo una opportunità e prospettive concrete”. In merito al contatto tra imprenditori, l’  amministratore delegato dell’azienda Proger e del World trade Center di Pescara Chieti, Umberto Sgambati, ha aggiunto: “oltre agli incontri B2B, occorre cominciare a lavorare nel senso S2S, cioè Sistema con Sistema. Dunque, non più la singola azienda con il singolo prodotto, ma è il Sistema che funziona Questo è il primo passo di un processo certamente lungo ma di sicuro vincente, con la volontà di conoscere e crescere insieme”.

“Quella fra Italia e Algeria non è un’amicizia che nasce oggi, ma che prosegue e che si rinsalda per creare nuove occasioni di sviluppo che riguardano i nostri territori – così il sindaco Marco Alessandrini che ha anche ricevuto ufficialmente una delegazione capeggiata dall’Ambasciatore a palazzo di Città a fine mattinata – Sono grato al Centro Estero e ai WTC di Pescara e Algeri che si sono fatti promotori di questa intesa che nasce sotto i migliori auspici. E’ nostra intenzione creare un ponte che sia economico, ma anche culturale con questa straordinaria terra che si trova dall’altra parte di un Mediterraneo che si conferma mare nostro, per origini, ma soprattutto per il futuro che ci vedrà, insieme, promotori di sviluppo. Amicizia rinsaldata dal racconto di un viaggio, quello compiuto dal fotografo pescarese Luciano D’Angelo in terra d’Algeria con il giornalista Claudio Valente che rappresenta il tassello migliore per completare questo Forum, un contributo culturale che guarda con occhi abruzzesi la meraviglia d’Algeria che andremo a scoprire e conoscere meglio attraverso la mostra ospitata dal museo Colonna fino al 20 dicembre”.

L’apertura dei lavori è stata affidata a Sua Eccellenza Abdelhamid Senouci Bereksi, ambasciatore d’Algeria in Italia. “L’Abruzzo ha saputo preservare le sue bellezze e le sue ricchezze – ha subito esordito – e quella odierna è una grande occasione anche per i nostri imprenditori per cogliere importanti opportunità d’affari. Si punta ad una forte partnership che possa garantire solidi e duraturi rapporti commerciali. Numerosi sono i settori economici d’interesse, dall’automotive alle infrastrutture e al turismo, dal gas&oil alle costruzioni, dall’agroalimentare ai trasporti , dalla sanità alla farmaceutica e all’energia rinnovabile, che è uno tra i più importanti comparti d’interesse tra l’Italia e l’Algeria”.

Quattro sono state le sessioni di lavoro. La prima dedicata alla imprese italiane interessate al mercato algerino, durante la quale sono state illustrate le opportunità d’affari. La seconda, ha rappresentato alle aziende algerine un quadro macroeconomico e settoriale dell’Abruzzo. La terza (moderata dal direttore generale di Confindustria Chieti-Pescara, Luigi Di Giosafatte) è stata quella delle testimonianze aziendale: un momento sempre atteso in questo genere di incontri perché offre una visione concreta di realizzazione  aziendale , da parte di chi all’estero già vi lavora con successo. Sono state presenti ben 6 aziende italiane, leader nei loro settori :Proger (società di ingegneria), Condotte (società per le condutture d’acqua), Europea92 (costruzioni), Leonardo (ex Finmeccanica), Globtrans (logistica e spedizioni internazionali).

Un appuntamento che grazie alla sinergia tra il Centro Estero,il Comune di Pescara e i due WTC, è’ stato arricchito dall’aspetto culturale, a completamento dell’intero evento e in onore degli storici e resistenti rapporti tra l’Italia e l’Algeria. Alle 18, all’ex Aurum di Pescara, sarà inaugurata la mostra fotografica “Algeria, anima mediterranea”, del fotografo Luciano D’Angelo con le immagini del viaggio da lui compiuto in Algeria fra la capitale algerina e il deserto insieme al giornalista Claudio Valente, proprio in vista del Forum. Un vero e proprio evento nell’evento, che accompagnerà gli importanti lavori di costruzione di rapporti economici fra imprenditoria abruzzese e algerina e rimarrà aperta al pubblico fino al 20 dicembre prossimo.

 

 

 

 

Articolo offerto da:

Bar Roberto