Pittrice scomparsa, marito tenta il suicidio

Renata Rapposelli, la pittrice abruzzese scomparsaRenata Rapposelli, la pittrice abruzzese scomparsa

Ha tentato il suicidio con un’overdose di barbiturici e psicofarmaci l’ex marito di Renata Rapposelli, la pittrice abruzzese scomparsa il 9 ottobre scorso dopo una visita all’uomo e al figlio.

Per giovedì 16 o venerdì 17 novembre si attende l’esito del test del Dna sul cadavere ritrovato il 10 novembre nelle campagne di Tolentino (Macerata) che, a detta degli inquirenti, potrebbe essere quello della pittrice 64enne essendo “altamente compatibili” con quelli della Rapposelli gli oggetti e i brandelli di abbigliamento rinvenuti: scarpe da tennis, leggings, una croce tau, bigiotteria e una ciocca di capelli biondi.  Circa il ritrovamento del corpo, la Procura di Macerata sta procedendo contro ignoti per occultamento e distruzione di cadavere.

L’ex marito, insieme al figlio, è indagato dalla Procura di Ancona per l’omicidio della donna. Al momento è ricoverato in gravi condizioni nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Liberatore di Atri (Te) dopo essere stato trovato in stato soporoso proprio dal figlio che ha immediatamente chiamato il 118.

 

Articolo offerto da: