Encomi a Palazzo di Città per sei agenti di Polizia

Il sindaco Alessandrini con gli agenti di PoliziaIl sindaco Alessandrini con gli agenti di Polizia

Il sindaco Alessandrini ha consegnato un encomio da parte della città a 6 uomini della Polizia di Stato che, nello scorso mese di maggio, hanno messo a repentaglio la loro vita per salvare le persone da un incendio divampato in una palazzina di via Lago di Capestrano.

La cerimonia di premiazione è avvenuta alla presenza del Questore Misiti e dei consiglieri comunali Testa e Cremonese. Si tratta dell’ispettore Antonio Mauro, del vice sovrintendente Daniele Cavalera, degli assistenti capo William Caprarese, Roberto Brandolini, Luca Falò, Raffaele La Sorsa. Le pergamene dell’Amministrazione si aggiungono le menzioni del Ministro dell’Interno Marco Minniti e dal capo della Polizia Franco Gabrielli, di cui ha dato notizia il Questore durante la consegna.

“Un gesto per esprimere gratitudine da parte della Città – così il sindaco Marco Alessandrini – Abbiamo accolto con favore l’istanza presentata dai consiglieri Testa, Cremonese e Pastore e abbiamo voluto celebrare in Sala Giunta questo sentimento di gratitudine, mettendolo nero su bianco su carta pergamena, davanti a familiari e colleghi degli agenti, a riconoscimento di un valore che ogni giorno rende onore alla divisa che vestono.

Molte volte ci siamo trovati a celebrare il coraggio delle forze dell’ordine e di quelle preposte al controllo del territorio, una stretta di mano che non significa soltanto grazie, ma anche presenza da parte delle istituzioni, sostegno verso chi ogni giorno, sia per senso del dovere che grazie ad un innato coraggio e apertura verso il prossimo, corre dei rischi per tutelare la pubblica incolumità. Questo intervento, poi, si riferisce ad un incendio che ha coinvolto le famiglie di una palazzina di via Lago di Capestrano, in maggio ed ha avuto come teatro uno dei quartieri residenziali più popolati e sensibili della nostra periferia, quella su cui in questi giorni è concentrata tutta la nostra attenzione a causa dell’emergenza abitativa e sociale dovuta agli sgomberi di via Lago di Borgiano. Un’avventura coraggiosa e a lieto fine, quella di maggio, grazie anche alla tempestività e alla tenacia di questi poliziotti che oggi ringraziamo”.

 

Articolo offerto da: