Presto transitabile il ponte ciclopedonale sul fiume Pescara danneggiato dai vandali

Antonio Blasioli sull'inizio dei lavori di un parcheggio nella zona di San DonatoAntonio Blasioli sull'inizio dei lavori

Il vice sindaco di Pescara Antonio Blasioli comunica che presto partiranno i lavori per la riapertura del ponte ciclopedonale sul fiume Pescara

“Tornerà presto percorribile il ponte di legno che si trova all’altezza di Piazza Pierangeli, realizzato dalla Provincia nel 2000 con tavoloni incrociati di larice alpino – annuncia il vice sindaco e assessore ai lavori pubblici e manutenzione stradale Antonio Blasioli – Il larice alpino è un’essenza caratterizzata da una grande resistenza ad eventi meteorici e a fuoco accidentale (sigarette, petardi e similari), ma al ponte erano state deliberatamente appiccate le fiamme, gesto vandalico che ha finito per danneggiare la passerella e renderla impraticabile. La chiusura del ponte ha provocato anche l’impraticabilità della pista ciclabile lungofiume, snodo per chi viene da ovest e vuole raggiungere il centro città senza dover percorrere via del Circuito, spesso intasata di traffico e pericolosa per le due ruote.

Diversi i passi fatti. In primis, l’accordo con la Provincia con cui il Comune si è caricato gli oneri relativi a questa pista ciclabile. A questo ha fatto seguito una gara di appalto con cui è stata individuata un’impresa che si è aggiudicata: gli uffici stanno effettuando in questi giorni le verifiche di rito prima dell’assegnazione. Definita questa fase, i lavori potrebbero iniziare già il 15 maggio e dovrebbero durare circa 30 giorni. Per il 15 giugno, o forse anche prima, la pista ciclabile potrebbe tornare transitabile e ricollegarsi a quella del Ponte Nuovo, proprio qualche giorno dopo la sua inaugurazione. Andremo a sostituire l’impalcato di legno della rampa di accesso lato nord del ponte con un impalcato metallico, più sicuro e resistente. Il materiale ligneo che recupereremo lo terremo per la sostituzione delle travi che resteranno nella parte del ponte che passa proprio sopra al fiume. Questa riqualificazione restituirà vita, e quindi sicurezza, a quell’angolo della città rimasto scollegato dal resto, cosa che ha esposto la zona a diversi problemi e rischiose frequentazioni.

Tornando transitabile l’area, siamo certi che la situazione tornerà pienamente vivibile e il collegamento consentirà ai ciclisti di non percorrere via del Circuito che è pericolosa per l’intenso traffico cui è esposta, restituendo a chi usa le due ruote un percorso ciclabile riservato e sicuro verso il centro cittadino o verso Porta Nuova. Ancora una volta, puntiamo sulla manutenzione dell’esistente: un punto cruciale della nostra agenda di governo, specie in un momento di grande difficoltà economica come quello che la nostra città vive”.

 

Articolo offerto da: