Settimana mondiale del sale, fino al 26 marzo campagna contro l’abuso

Settimana mondiale del saleSettimana mondiale del sale

Fino al 26 marzo si svolge la Settimana mondiale del sale, promossa dalla World Action on Salt & Health, allo scopo di sensibilizzare la popolazione, ma soprattutto le industrie alimentari, perché la maggior parte del sale è contenuto proprio nei prodotti confezionati.

La campagna è dedicata ai danni silenziosi dell’abuso di sale, che conducono ad un significativo aumento della mortalità, soprattutto per ictus e malattie cardiache, ma anche ad un aumento di altre patologie come i tumori dell’apparato digerente, l’osteoporosi e le malattie renali croniche. Nel nostro paese, uno studio realizzato dal 2009 al 2012 rileva un consumo di sale fuori norma del 90%, in particolare nelle regioni meridionali. Secondo le stime della Commissione Europea, il sale presente nei cibi industriali o consumati fuori casa rappresenta del 75% del consumo totale. Un uso eccessivo di sale può favorire l’instaurarsi dell’ipertensione arteriosa, soprattutto nelle persone predisposte. È infatti dimostrato che elevati apporti di sodio, contenuto nel sale, aumentano il rischio di malattie del cuore, dei vasi sanguigni e dei reni, attraverso l’aumento della pressione arteriosa.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di non introdurre più di 2 grammi di sodio nella dieta giornaliera. Due grammi di sodio corrispondono a circa 5 grammi di sale da cucina, che sono all’incirca quelli contenuti in un cucchiaino da the. Ecco alcuni suggerimenti presenti nelle linee-guida dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione: preferire il sale iodato oppure sostituire il sale con le spezie; non aggiungere sale nelle pappe dei bambini per tutto il primo anno di vita; limitare l’uso di condimenti contenenti sodio come il dado, il ketchup, la soia e la senape; gli alimenti trasformati più ricchi di sale sono snack, patatine in sacchetto, olive da tavola, tonno ed alcuni salumi e formaggi.

Articolo offerto da:

Archidea