Bruno Vespa a Pescara per ricordare Pacilio

Bruno VespaBruno Vespa

di RITA CONSORTE

Venerdì 25 novembre, presso l’Auditorium Petruzzi di Pescara, si è svolto un convegno dal titolo “L’informazione locale al servizio del territorio”, organizzato dalla Presidenza della Regione Abruzzo e da Rete8, per ricordare la figura del direttore, Pasquale Pacilio, recentemente scomparso.

Al convegno moderato dal direttore responsabile di Rete 8, Carmine Perantuono, hanno partecipato Bruno Vespa, noto conduttore del programma “Porta a Porta”, Stefano Traini, preside del corso di laurea in Scienze della Comunicazione Unite, Pasquale Tritapepe, giornalista e amico di Pacilio e il Presidente della Regione Abruzzo.  All’incontro hanno partecipato e portato i propri contributi il sindaco Marco Alessandrini, il presidente dell’Ordine dei giornalisti Stefano Pallotta e il presidente del Corecom Abruzzo, Filippo Lucci.  Il convegno è stato un modo per ricordare la figura di Pacilio, che in oltre 40 anni di carriera lo ha visto sempre protagonista nel raccontare i fatti e gli eventi più importanti che hanno interessato la nostra regione; all’inizio dell’incontro un video di presentazione a cura della collega Antonella Micolitti, che ha raccontato la figura non solo giornalistica di Pasquale Pacilio.

Commosso è stato il pensiero del Presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Stefano Pallotta, che durante il convegno ha ricordato così l’ex direttore di Rete 8 Pasquale Pacilio: “Pacilio, è stato un grande giornalista – ha dichiarato il presidente – era un giornalista che sapeva trattare con obiettività e competenza il tema dell’informazione e sarei felice per l’istituzione di un eventuale premio.” L’ospite d’onore del convegno è stato il noto conduttore Bruno Vespa, al quale sono state affidate le conclusioni dei lavori, nel ricordare la figura di Pacilio, Vespa ha dichiarato: “Mi sento un po’ in imbarazzo oggi, nel sentire i ricordi sulla figura di Pasquale Pacilio ed anche un po’ intimidito di fronte a lui – ha detto Vespa durante il convegno – perché non credo di aver saputo fare a livello nazionale, ciò che lui, ha fatto per l’Abruzzo. Lui, è riuscito a dare una visione unificante di questa regione”. In conclusione, Vespa ha dichiarato: “Sono sempre stato convinto che il servizio pubblico deve essere ben fatto anche dalle televisioni private, i servizi pubblici in tutta Europa sono una medaglia di rovescio controllabile dalla classe politica. Pacilio ha interpretato davvero il servizio pubblico. Il servizio pubblico è una cosa molto semplice, bisogna parlare di ciò che interessa la gente. Uno deve riuscire a capire cosa davvero può interessare alle persone, e Pacilio in questo è riuscito alla grande. Mettersi in sintonia con il pubblico non significa fare ciò che vuole la gente, è una cosa totalmente diversa, l’opinione pubblica è al confine, noi siamo in mezzo”.

Articolo offerto da:

Archidea

Be the first to comment on "Bruno Vespa a Pescara per ricordare Pacilio"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*