Il bello del calcio: la festa di Nella Grossi e il gemellaggio con il Vicenza

Compleanno di Nella GrossiCompleanno di Nella Grossi

Partendo dalla partita Pescara Vicenza, disputata lo scorso venerdì, si fa presto a spostare il discorso a quello che accade fuori dal terreno di gioco. Anche in questa occasione si è rinnovato lo storico gemellaggio tra le due tifoserie e, senza dubbio, frequentare lo stadio in simili occasioni ha uno spirito del tutto particolare. Eh si perché prima e dopo la partita i locali adiacenti lo stadio erano tutti in festa e le misure di sicurezza praticamente inesistenti. Sappiamo, purtroppo, che non tutte le partite sono così. Il mondo del calcio nonostante le scelte fatte dai legislatori di turno tipo i biglietti nominativi, pre filtraggi e tessera del tifoso, solo per citare alcuni esempi, continua a vivere situazioni di violenza. La città di Pescara ha vissuto una brutta pagina proprio qualche settimana fa quando ultrà del Bari hanno, di fatto, distrutto buona parte della curva sud. Si arriva al paradosso che voler seguire la squadra in trasferta non ti consente nemmeno di consumare un caffè nella città dove si arriva ad assistere alla partita. Le forze dell’ordine sono chiamate a scortare gruppi di tifosi fin dentro lo stadio. Si arriva al paradosso di raccontare: sono stato a Perugia, per dirne una, ma di fatto ho visto solo lo stadio senza poter visitare la città. Per la mole di gente che questo sport riesce a spostare avere una mentalità stile rugby consentirebbe allo Stato di ridurre all’osso i costi di gestione degli eventi sportivi ma cosa ancora più importante si creerebbe un indotto di proporzioni incredibili che sicuramente farebbe bene all’economia. Certo fare determinate affermazioni è pura utopia conoscendo la storia in merito ma vale la pena pensare a cosa potrebbe essere e invece non è. Tralasciando il tifo rappresentato dal mondo ultrà a Pescara si vive una pagina bellissima. Nel 1977 è stato fondato il Club Donne Biancazzurre che costantemente segue la squadra. Al suo timone l’infaticabile Nella Grossi che, proprio qualche giorno fa, ha festeggiato il compleanno. Icona del tifo in rosa, ricoprendo vari incarichi a livello nazionale, Nella Grossi promuove varie iniziative durante tutto l’anno. Soprattutto è un punto di riferimento delle mogli e compagne dei giocatori che arrivano a Pescara. Proprio in occasione del suo compleanno la prima telefonata di auguri ricevuta è arrivata dalla moglie di Sansovini che da pochi giorni ha lasciato la città. Le due faccie del tifo e di intendere il calcio.

Articolo offerto da:

Bar Roberto

Be the first to comment on "Il bello del calcio: la festa di Nella Grossi e il gemellaggio con il Vicenza"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*