WWF. Bilancio positivo per l’iniziativa di pulizia della foce a della spiaggia a nord del fiume Foro

wwf guardia costiera

Non c’è stata una risposta da “grandi numeri”, complice il caldo di questi giorni che scoraggia le attività sotto il sole, ma l’iniziativa del WWF Chieti-Pescara, che ha organizzato per il pomeriggio di sabato 2 luglio la pulizia a mano della foce lato nord del fiume Foro, nel territorio comunale di Ortona, e del tratto di spiaggia contiguo sino al confine con Francavilla al Mare, ha fatto registrare comunque ottimi risultati: i volontari che hanno partecipato sono riusciti in poche ore a raccogliere 19,700 kg di rifiuti, che sono stati differenziati e censiti, per realizzare un quadro di dettaglio degli inquinanti presenti. Sono stati ripuliti complessivamente 8.600 mq di spiaggia per un fronte mare di 430 m lineari: “In un piccolo tratto di arenile – commenta la presidente del WWF Chieti-Pescara Nicoletta Di Francesco – abbiamo trovato 12 pacchetti di sigarette, uno dei quali semipieno, e ben 86 cicche. Probabilmente non le abbiamo viste tutte, ma già così il dato è sconvolgente”. Il delegato regionale del WWF Abruzzo, Filomena Ricci, che ha partecipato all’iniziativa, punta invece l’indice su plastiche e polistirolo: “Ben 250 frammenti più palloncini, posate, bicchieri e persino un pezzo del cruscotto di un’autovettura: sulla spiaggia arriva veramente di tutto e se non cambiamo subito le nostre abitudini la situazione rischia di diventare ingestibile”.

I volontari hanno anche portato avanti un’attività di citizen science per il calcolo delle particelle di microplastica rilevate in uno spazio misurato.La classificazione dettagliata del materiale raccolto contribuirà a fornire informazioni sulle condizioni complessive delle spiagge italiane.

L’iniziativa, inquadrata nell’ambito del Tour Plastic Free 2022 del WWF Italia per la Campagna #MissioneSpiaggePulite, si è svolta in collaborazione con il Comune di Ortona e con Ecolan, e con il coinvolgimento della Guardia Costiera che ha inviato una pattuglia per verificare e sostenere il lavoro dei volontari. Un altro tassello, che si unisce alle tante analoghe iniziative in atto in questi mesi in tutta Italia e che contribuisce a contrastare la contaminazione del mare e delle coste: il WWF Italia invita tra l’altro i cittadini a firmare la PETIZIONE GLOBALE per fermare l’inquinamento da plastica: https://www.wwf.it/petizione_plastica.cfm

Articolo offerto da: