Bonus carburante ai dipendenti del trasporto pubblico locale Abruzzo (Art. 2 decreto legge 21 marzo 2022 n. 22)

sindacati
Comunicato della FILT CGIL Abruzzo Molise, Ultratrasporti, FAISA CISAL.
Le organizzazioni sindacali dei trasporti hanno indirizzato in data odierna una nota alle associazioni datoriali e alle imprese di trasporto pubblico locale presenti in Abruzzo, sollecitando l’applicazione dell’art. 2 del Decreto Legge 21 marzo 2022 n. 22 e che prevede la possibilità di riconoscere ai lavoratori un importo fino a 200 euro in buoni carburante che non concorre alla formazione del reddito. Tale iniziativa appare doverosa in una complessa e drammatica fase storica, oltre a rappresentare per i Lavoratori del settore un importante segnale di riconoscimento, considerato che gli stessi, durante il periodo di lockdown da Pandemia Covid-19, hanno garantito il servizio di trasporto pubblico a utenti e cittadini rischiando la propria incolumità mentre le imprese, al tempo stesso, sono state, come è noto, ampiamente ristorate dal Governo sia per i mancati ricavi che per i servizi aggiuntivi erogati.
In Abruzzo peraltro, il pesante disagio affrontato dai lavoratori assume un fenomeno assai più rilevante in ragione dell’assenza generalizzata (se si escludono le aziende pubbliche) di quella contrattazione di secondo livello che nelle altre realtà regionali rappresenta oltre il 30% della retribuzione complessiva percepita dal dipendente.
 

Si allega a riguardo la nota (in formato doc e pdf ) che le sottoindicate segreterie regionali hanno trasmesso anche alle Istituzioni regionali e alle amministrazioni comunali più significative.

 

Articolo offerto da: