Elezioni RSU comparto istruzione e ricerca in Abruzzo

banchi di scuola

Sono ormai definitivi i risultati delle elezioni RSU svoltesi il 5, 6 e 7 aprile in tutto il comparto Istruzione e Ricerca (Scuola, Università, Ricerca, AFAM). In totale hanno votato oltre 24.000 lavoratori, il 77% degli aventi diritto nelle Università, il 72% nella Scuola, il 65,5% nell’AFAM e il 63,5% nella Ricerca. Le gravi difficoltà causate dalla pandemia non hanno intaccato la determinazione delle lavoratrici e dei lavoratori nel recarsi al voto per eleggere i propri rappresentanti in tutti i settori della conoscenza, a testimonianza della volontà di partecipazione e dell’importanza attribuita a tale appuntamento. La FLC CGIL nel complesso ha ottenuto 4750 voti, un buon risultato che ci ha consentito di aumentare i consensi nella scuola e nell’AFAM e di confermarci come il primo sindacato della regione sia nell’Università che nella Ricerca. In particolare, per il settore scuola, a livello regionale, il nostro sindacato aumenta il numero dei voti rispetto al 2018, passando da 3978 voti (18,6 %) a 4390 voti (19,6%), confermandosi primo sindacato di categoria in provincia di Teramo con circa il 40% dei consensi e diventando il secondo sindacato in provincia di Chieti. Nel comparto Università, la FLC CGIL si conferma il primo sindacato a livello regionale, con una crescita del 4,85% dei voti rispetto alle elezioni RSU del 2018. In particolare, la FLC Cgil fa rilevare un importante avanzamento nell’Università di Chieti – Pescara, raddoppiando i voti rispetto alle scorse elezioni e diventando il primo sindacato di Ateneo e si conferma primo sindacato al GSSI (Gran Sasso Science Institute dell’Aquila) con il 51,85% dei consensi. Anche nel comparto Ricerca la FLC CGIL si conferma prima sindacato della regione, risultando il più votato all’ISTAT di Pescara (66,7% dei voti) e all’INAF di Teramo (61,90%) ottenendo buoni risultati anche all’INFN – Abruzzo Assergi (41,54%) e al CNR dell’Aquila (26,67%). Infine, relativamente all’Alta Formazione Artistica e Musicale, la lista della FLC CGIL risulta la più votata all’Accademia delle belle arti dell’Aquila (38,78%) e aumenta il numero dei voti eleggendo la propria RSU sia al Conservatorio dell’Aquila che in quello di Pescara. Il voto di tanti lavoratori della regione premia l’impegno e la coerenza che il nostro sindacato ha mostrato in questi anni, ma premia soprattutto le nostre candidate e i nostri candidati, apprezzati e stimati dal punto di vista personale e professionale. Noi li ringraziamo, perché la scelta di candidarsi liberamente in una lista della CGIL, non è stata una scelta banale: manifesta la voglia di stare da una parte, la parte che storicamente lotta per i diritti e per il lavoro, che vuole contribuire a costruire un modello di democrazia che parte dai posti di lavoro. Il consenso ricevuto ci motiva e responsabilizza: non lasceremo soli i lavoratori e le RSU elette e andremo avanti con convinzione ancora maggiore, per contribuire a garantire una scuola, un’università e una ricerca pubblica di qualità.

Articolo offerto da: