Carabinieri, controlli a tappeto nei negozi etnici

carabinieri

Continuano incessanti i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Pescara nelle aree più sensibili della città quali il centro cittadino e il lungomare, punti nevralgici della movida notturna e della vendita di prodotti etnici, nonché nelle zone periferiche.

In particolare, nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione CC di Pescara Scalo, in collaborazione con personale del N.A.S. di Pescara, hanno sottoposto ad accertamenti alcuni esercizi di vendita di generi alimentari etnici nel centro città, nonché un noto locale ubicato nel quartiere Rancitelli, ritrovo abituale di soggetti tenuti sotto controllo.

Oltre all’identificazione di numerosi soggetti, gravati da precedenti di polizia, i carabinieri hanno rilevato le seguenti irregolarità:

  • presso i negozi etnici, erano esposti per la vendita, oltre 400 kg di prodotti carnei ed ittici congelati, non idonei al consumo alimentare poiché insudiciati e in cattivo stato di conservazione e quindi sottoposti a sequestro;
  • i due titolari, provenienti dall’Eritrea, sono stati deferiti in stato di libertà alla locale Autorità Giudiziaria e segnalati inoltre a quella Sanitaria ed Amministrativa per non aver mai predisposto le prescritte procedure di autocontrollo “HACCP”, in difetto del possesso di certificato abilitativo alla manipolazione di alimenti. In conseguenza di ciò, sono state elevate nei loro confronti sanzioni amministrative di 5 mila euro;
  • al titolare dell’attività sita a Rancitelli, è stata notificata una sanzione di 2 mila euro per non aver mai predisposto le prescritte procedure di autocontrollo “HACCP”.

 

Articolo offerto da: