Inchiesta mare inquinato: il sindaco Marco Alessandrini assolto

Il sindaco Marco Alessandrini ha firmato due nuove ordinanze che dispongono il non utilizzo dell'acqua a scopi potabiliIl sindaco Marco Alessandrini

Un sospiro di sollievo, dopo tre anni di attesa, per il sindaco Alessandrini che così commenta l’assoluzione da parte del Tribunale di Pescara in merito all’inchiesta sui divieti di balneazione del 2015:

“Ho sempre avuto fiducia nell’operato della magistratura, certo come sono che i processi si celebrano nei luoghi deputati e non altrove. La sentenza di piena assoluzione mi rende lieto visto che dopo tre anni di attesa la mia posizione viene definitivamente chiarita. Com’è noto, ho richiesto io il rito abbreviato perché venisse accertato il mio operato in tempi brevi e senza ipoteche su ruoli amministrativi e politici che rivesto”

E sulle azioni amministrative promosse in merito dalla sua Amministrazione afferma che mai nessun sindaco aveva pensato, progettato e messo in atto tali misure nella storia della città.

“Il mare pulito era e resta un obiettivo prioritario per la nostra città, perché è il suo elemento identitario e per la sua salubrità continueremo a impegnarci, portando avanti le azioni sul depuratore, sulla rete fognaria della città, sulla rinaturalizzazione del fiume e facendo monitoraggi e controlli in sinergia con la filiera locale di tutti gli organi competenti. Una filiera che siamo stati i primi in oltre vent’anni ad attivare”.

Articolo offerto da: