Salvini a Feniello: “Non pagare un euro”

commemorazione rigopiano 2019

“Ho detto a papà Feniello di non pagare un euro. Ci manca giusto di essere multati per andare a portare i fiori al figlio. Se c’è una legge sbagliata, cambieremo questa legge sbagliata”.

Queste le parole del ministro Salvini, dopo la commemorazione di questa mattina in memoria delle vittime della valanga di Rigopiano, davanti al totem del resort.

Ricordiamo che il padre di Stefano Feniello, deceduto sotto le macerie dell’hotel, è stato condannato al pagamento di una multa di 4.550 euro per aver violato i sigilli giudiziari che all’epoca delimitavano l’area della catastrofe.

Altrettanto decise le parole del ministro Luigi Di Maio, anch’egli presente, il quale ha ribadito la vicinanza del governo ai parenti delle vittime. Di Maio si è intrattenuto a parlare con Gianluca Tanda, presidente del Comitato Vittime di Rigopiano.

Durante la commemorazione, il dolore della signora Feniello è esploso con queste parole:

“Maledetti! Maledetti non l’avete mai mandato uno spazzaneve a salvare mio figlio, mai! Adesso mandano la corona di fiori…”.

 

Articolo offerto da:

lu scaricarell