Fiori sul luogo della tragedia: Feniello condannato per aver aver violato i sigilli

alessio feniello

Una storia che ha del paradossale: proprio in questi giorni in cui sono ripresi gli interrogatori degli indagati per la tragedia di Rigopiano presso il Tribunale di Pescara, si apprende che Alessio Feniello, padre di Stefano deceduto sotto le macerie dell’hotel, è stato denunciato per aver portato fiori sul luogo della tragedia quando l’area era sotto sequestro, violando i sigilli apposti al resort.

Per Feniello è scattata la condanna a pagare un’ammenda di 4550 euro, pena due mesi di reclusione. Su facebook lo sfogo di Feniello il quale dichiara di non aver intenzione di pagare la somma richiesta e di essere piuttosto disposto a subire il carcere. Il post si conclude con un appello al ministro Salvini.

Articolo offerto da:

Archidea