La protesta dei pensionati contro la manovra

pensioni

Oggi a Pescara, davanti alla Prefettura in piazza Italia, c’è stata la protesta dei pensionati contro la manovra finanziaria del governo che blocca la rivalutazione degli assegni superiori ai 1.500 euro lordi mensili, vale a dire che chi percepisce un assegno pensione superiore ai 1.552 euro mensili potrebbe vedersi detrarre una quota parte dell’assegno per un totale che va dai 65 a 325 euro annuali. Secondo quanto dichiarato da Paolo Castellucci dello Spi Cgil, l’Abruzzo è tra le regioni con famiglie più indigenti dopo Molise e Campania, come rilevato da una recente ricerca dell’Università di Tor Vergata.

Articolo offerto da:

Archidea