Fiocchi in Ospedale, il progetto Save the Children

Fiocchi in Ospedale

Uno spazio accogliente per mamme e neonati con possibilità di parlare con operatori del settore come gi­ne­cologi, psicologi, pedagogisti, pediatri e altri professionisti, una sala dedicata al sostegno all’ allattamento con fasciatoi per l’accoglien­za pri­ma e dopo il parto e incontri per il sostegno alla genitorialità. È il nuovo Spazio del progetto Fiocchi in Ospe­dale di Save the Children a Pescara.

05B ospedalePresente la sala Gialla del­la UOC Ostetricia e Gi­necologia, IV Piano Ala Nord dell’ospedale San­to Spirito, in collaborazione con la Regio­ne Abruzzo e il sostegno di Pampers. Un progetto per supportare sia le mamme in gravidanza che le neo-mam­me che spesso si trovano ad af­frontare il mo­mento più delicato della loro vita, quello dell’attesa e della nascita di un figlio, in condizioni di gra­ve fragilità socio-economica. “Siamo fieri di poter in­augurare oggi il 10° spazio del progetto Fioc­chi in Ospedale pro­prio a Pescara.

Il so­stegno alla genitorialità e in particolare il supporto alle mamme in gravidanza e subito do­po il parto è fondamentale, soprattutto nelle regioni come l’A­bruzzo dove la povertà relativa delle famiglie ha avuto il maggior incremento in Italia, superando la percentuale del 5%. Il progetto accompagna le mamme in tutte le fa­si della loro gravidanza fino ai pri­mi mesi do­po il parto, supportando le donne in questo mo­mento così delicato del­la loro vita” af­ferma Raf­­faela Mila­no, direttrice programmi Italia-Eu­ropa di Sa­ve the Children. Il Polo Ospedaliero di Pescara è quello con il più alto numero di parti in Abruzzo, ben 2.362 nel 2017 per 2.418 nati, anche se la regione ri­sente, come tutto il territorio nazionale, di un calo delle nascite che ha visto il tasso di natalità passare dall’8.8% al 7.2% tra il 2007 e il 2017.

Articolo offerto da: