I Castelli Bavaresi di Ludwig II

castello bavarese

Incastonati come pietre preziose tra le montagne delle Alpi Bavaresi, i castelli del re Lud­wig II, sembrano scenari fiabeschi trasformati in realtà dall’estro di uno dei sovrani più singolari che la Germania abbia mai avuto.

Definito il “re pazzo” per la sua eccentricità e per i suoi particolarissimi gusti artistici, Ludwig II, mecenate di Wagner, s’interessò personalmente alla realizzazione o al restauro dei suoi ca­stelli, quello di Neuschwanstein e quelli di Linderhof e Herren­chiemsee. A questi si aggiunge il castello di Hohenschwangau, una fortezza medievale, ereditata dal padre e restaurata, dove aveva trascorso l’infanzia. Il castello di Neusch­wanstein è il più famoso e attira ogni anno circa un milione di visitatori. Ideato alla fine del XIX secolo dal pittore scenografo Christian Jank è una strabiliante costruzione in pietra bianca in una mescolanza di stili moresco-gotico e barocco. Il castello di  Linderhof, in stile barocco, ha un bellissimo parco disseminato di piccoli gioielli architettonici, tra i quali una grotta artificiale con stalagmiti e stalattiti e un laghetto, costruita appositamente per la rappresentazione delle opere liriche di Wagner, un tempio di Venere ed un Chiosco moresco.

Articolo offerto da: