Maurizio Gobbi, a colloquio col direttore sportivo della Pescara Pallanuoto

Maurizio GobbiMaurizio Gobbi

Maurizio Gobbi, direttore tecnico della Pescara Pallanuoto, ci ha concesso gentilmente questa intervista, in cui parla del futuro ed effettua un bilancio della stagione conclusasi e terminata con la salvezza della Pescara Pallanuoto.

Possiamo tracciare un bilancio della stagione appena conclusa terminata con la salvezza?

“Il bilancio è più che positivo visto che la salvezza è stata raggiunta con ben due giornate di anticipo. Eravamo un po’ preoccupati all’inizio dell’anno visto che era il primo anno di serie A2 con una squadra giovane. Tutto sommato, il giudizio non può che non essere positivo”.

Come è maturata l’idea dell’ingresso in società degli ex atleti che hanno vinto il triplete?

A dirla tutta questa è stata un iniziativa curata direttamente dalla nostra Presidentessa Marinelli, insieme ad Amedeo Pomilio, Manuel Estiarte, Nello Rapini che già da tempo si erano riavvicinati alla squadra. E’ stata una sorpresa anche per me, almeno nei tempi, il fatto che tutti i ragazzi del triplete abbiano aderito a questa iniziativa è davvero molto bello. Poi, vedremo in che maniera ciascuno di loro possano dare il proprio contributo.”

 Tempo di campagna acquisti. Si parte con una nuova guida tecnica: Paolo Malara.

Questa è stata una mossa a sorpresa anche per l’opinione pubblica e non si può rimproverare nulla all’ex tecnico Mammarella, che ha svolto un ottimo lavoro. Difficilmente si potrà rinforzare la squadra per cui abbiamo optato; visto che dovremmo affrontare un nuovo campionato di A2 si è preferito puntare su un allenatore di esperienza come Paolo Malara”.

 Che tipo di squadra costruirete? Sarà competitiva?

L’idea è quella di riconfermare in blocco la squadra dell’anno scorso, soltanto se si riuscirà a trovare dei puntelli giusti a prezzi ragionevoli. Puntare al consolidamento e poi, se ci sarà la possibilità di acquistare qualcuno, di certo non ci tireremo indietro. Tutto dipende anche da che tipo di girone saremo immessi, molto probabilmente con il girone nord”.

Articolo offerto da:

Bar Roberto