Dal 5 al 7 luglio tutti a Pescara per Italia Gioca 2018

ItaliaGiocaItaliaGioca

E’ stata presentata a Pescara la quinta edizione di Italia Gioca. La sfida tra le regioni italiane, ispirata ai gloriosi Giochi senza Frontiere, si svolge in riva all’Adriatico dal 5 al 7 luglio

Due volte terzo in quattro edizioni e performance di gara sempre competitive, il gruppo abruzzese ha sempre creduto alle potenzialità dell’evento e alla straordinaria opportunità di poterlo ospitare. Il momento è arrivato: dal 5 al 7 luglio Pescara ospita la semifinale e la finalissima della quinta edizione di Italia Gioca con il team pescarese che gareggia “in casa” rappresentando l’intero Abruzzo.

Nell’estate del 2018 la città si fa teatro di una manifestazione nazionale che quest’anno vede la partecipazione di ben 16 squadre provenienti da 14 regioni italiane, il numero più alto di sempre.

Cuore dell’Abruzzo moderno, Pescara ha sedotto il Comitato artistico nazionale del network Italia Gioca: numeri e credenziali hanno convinto tutti, corroborati anche dalla passione, dalla professionalità e dall’esperienza di Castellamare in Festa, l’associazione che da vent’anni organizza in città la kermesse Colli senza Frontiere.

Il tema scelto per Italia Gioca 2018 è “Abruzzo: tradizioni dai monti al mare”. L’evento si svolge allo Stadio del Mare, nel cuore della città, e nella piscina realizzata ai piedi del palco. Tutti i giochi si avvalgono di attrezzature, fondali e costumi rigorosamente fatti a mano, uno ad uno, dai volontari dell’associazione.

Le giornate di gara sono due, 6 e 7 luglio, mentre la sera del 5 è dedicata alla presentazione delle squadre e dei rispettivi territori, con le video cartoline proiettate sul maxi schermo.

Le gare pomeridiane del 6 e 7 luglio iniziano alle ore 16.30, quelle serali alle 21.15. La squadra ospitante, Pescara, e quella vincitrice della scorsa edizione, Valdisole, hanno accesso di diritto alla finale di sabato 7 luglio.

I team in gara: Verbania per il Piemonte; Dalmine per la Lombardia; Valdisole per il Trentino Alto Adige; Val Cosa Meduna per il Friuli Venezia Giulia; Cartigliano per il Veneto; Moconesi per la Liguria; Parma e San Prospero per l’Emilia Romagna; Castelfranco Piandiscò per la Toscana; San Felice Circeo per il Lazio; Pescara per l’Abruzzo; San Giorgio Jonico per la Puglia; Salerno e Saviano per la Campania; Castrovillari per la Calabria; Pescopagano per la Basilicata.

“Ci sono delle cose che ci restano dentro, io sono cresciuto con i Giochi senza Frontiere – ha detto il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, nella conferenza stampa di presentazione – Il format ha un cuore antico che batte e funziona, siamo pronti a sfidare tutti con una dedica in omaggio alla mozione degli affetti e alle regioni che verranno in città a tentare il podio: divertitevi e divertiteci!”

La presidente dell’associazione Castellamare in festa, Maria Rita Carota, ha sottolineato i valori che ispirano Italia Gioca: “Italia Gioca celebra l’amicizia tra comunità diverse e distanti e riunisce tutte le associazioni che organizzano giochi di piazza, una rete nazionale di realtà che da decenni animano i quartieri delle rispettive città. Abbiamo voluto creare dei giochi ispirati alla tradizione e alla cultura abruzzese, da D’Annunzio a Flaiano, dall’orso al lupo, dalle sise delle monache ai serpari di Cocullo, e poi il tombolo, il matrimonio scannese, la conca, la ruzzola e l’immancabile arrosticino”.

Italia Gioca è un evento collegato al circuito internazionale Jeux sans Frontiéres. La manifestazione, promossa dalle associazioni aderenti al network Italia Gioca, è nata per esaltare gli aspetti importanti dello sport e dello stare insieme, rafforzare i legami tra uomini e culture differenti, proteggere, tutelare e promuovere le tradizioni e il ricco patrimonio culturale italiano. Il format-spettacolo itinerante, apprezzato da tutte le generazioni, è articolato in una serie di prove impegnative, ma sempre divertenti e coinvolgenti. I partecipanti arrivano da tutta Italia, uniti dalla passione per il significato universale del gioco. I territori ospitanti ne ricavano grande visibilità, per questo l’appuntamento estivo offre ricadute turistiche ed economiche importanti e raccoglie il crescente interesse degli sponsor e degli enti locali.

Articolo offerto da:

Bar Roberto