Amatori Basket Pescara, direzione playoff

Amatori Basket PescaraAmatori Basket Pescara

L’Amatori Pescara festeggia il quarto posto in classifica, che vale il fattore campo nel primo turno dei playoff, dopo la vittoria in trasferta col Civitanova.

I biancorossi del presidente Di Fabio, così, ottengono due risultati importanti: uno direttamente in campo, dove hanno prevalso su un avversario complicato, e uno in classifica, dove brindano a un piazzamento eccellente, che testimonia la crescita stratosferica del gruppo, protagonista di una grandissima stagione regolare, nonostante la rivoluzione estiva e gli infortuni. Adesso iniziano i playoff e l’Amatori affronterà nuovamente la Virtus Valmontone, come lo scorso anno. Si inizia già domenica 29 aprile e Gara1 si giocherà proprio a Pescara, come l’eventuale Gara3.

Entrambe le squadre, nelle Marche, hanno tirato dall’arco con percentuali sporche: l’Amatori ha comunque avuto qualcosa in più, sia nel pitturato, con un Capitanelli devastante, sia nella gestione della partita su entrambi i lati del campo. Civitanova, nell’ultimo quarto, aggrappandosi a Coviello, ha provato a riaprire la partita con tanta aggressività, ma non è mai rientrata davvero a contatto (anche se una tripla di Cassese sputata dal ferro avrebbe potuto accendere il finale). Con questo successo, va in archivio una regular season che soddisfa i pescaresi, ma non è ancora tempo di bilanci: inizia la parte più bella dell’anno e l’Amatori giocherà i quarti di finale nuovamente contro Valmontone, battuta lo scorso anno 2-0. Ci sono stati profondi cambiamenti in entrambi i roster, da domenica ci si potrà godere lo spettacolo.

Mlinar, infortunato, è comunque in panchina e ci rimarrà per tutto il match. Solito starting five per l’Amatori, mentre Civitanova lancia in quintetto Vallasciani e Felicioni. Le polveri di tutte e due le squadre sono bagnate ed entrambe sbagliano qualche tiro aperto (6-5 dopo cinque minuti di gioco). Sono particolarmente attivi Caverni eCoviello che cercano di tagliare la difesa per poi scaricare ai compagni. Si continua a realizzare poco, anche se la verve di Leonzio e Jovancic smuove il punteggio sino al 10-13 che chiude un primo quarto senza particolari guizzi: l’Amatori ha tenuto ottimamente il campo concedendo pochissimo ai padroni di casa.

Jovancic e D’Eustachio alzano immediatamente il livello tecnico della partita con diverse belle giocate. Pescara alza il ritmo e la classica bomba di Drigo firma la prima fuga pescarese (14-20).  Caverni ruba una palla fenomenale a Coviello e ispira il 17-22, ma rimedia una piccola distorsione alla caviglia e deve lasciare momentaneamente il campo. Un’azione spettacolare di squadra finalizzata ancora da Drigo lancia Pescara a +7 e costringe i locali a chiamare timeout per fermare l’inerzia del tempino. Intanto, Masciarelli mostra tutto il suo repertorio. Con il passare dei minuti il distacco rimane sostanzialmente identico, ma i giochi offensivi degli abruzzesi perdono un po’ di brillantezza e allora è coach Rajola a fermare il gioco. L’Amatori rientra bene in campo, si mette azona e in contropiede si guadagna il +10 (24-34) che manda le squadre negli spogliatoi, dopo che il ferro ha rifiutato beffardamente i tiri di Vallasciani e Caverni.

Pronti, via e altri sei punti in fila dell’Amatori, con Bedetti nuovamente letale (26-40); passa qualche azione e il copione non cambia: la squadra trova con grande facilità il canestro mentre sbarra la via del canestro ai padroni di casa. Bastano tre minuti e mezzo per portare il distacco a venti punti (26-46). Leonzio e Caverni si dividono il playmaking e si spartiscono i possessi, alternando attacchi al ferro e azioni più ragionate. Capitanelli comanda le operazioni sotto entrambi i canestri, anche se è costretto a un pit stop in panchina per il terzo fallo personale. Civitanova, negli ultimi minuti del tempino, trova l’energia per portarsi anche a -13, sfruttando la rabbia agonistica diAmoroso e alzando la fisicità in ogni parte del campo; poi la tripla di Masciarelli e i liberi dello stesso pivot locale fissano il 43-58 che sigilla il terzo quarto.

I marchigiani tentano di riaprire la partita pressando a tutto campo e difendendo mani addosso, affidando ogni azione offensiva alla fantasia di Coviello. Pescara risponde alternando bene le azioni: a volte si palleggia poco e ci si passa tanto la palla, altre volte Caverni gestisce il ritmo del gioco, anche se il playmaker poi deve momentaneamente uscire per il quarto fallo personale (fischio severissimo, visto il metro adottato). Due palle perse di fila e i coast to coast del solito Coviello riportano Civitanova a soli otto punti di distanza a tre minuti dalla fine, ma i marchigiani non riescono a fare di più, spadellando da fuori, mentre Capitanelli è immarcabile e Leonzio è chirurgico. Pescara, con soli cinque senior a disposizione, vince la settima gara delle ultime otto, si prende il quarto posto, giocherà i quarti di finale con il fattore campo a favore e, comunque vada, vivrà nuovamente le straordinarie emozioni dei playoff assieme al proprio pubblico, che anche oggi l’ha seguito in trasferta.

Coach Rajola: “Sono contento! Abbiamo sempre controllato la partita, a parte un piccolo calo negli ultimi cinque minuti, quando ci siamo un attimo rilassati, fermando troppo la palla in attacco e concedendo un paio di canestri facili in difesa; lo sappiamo, se nel finale ci mettiamo a parlare invece di giocare, la nostra prestazione è diversa da quella che mettiamo sul parquet per gli altri 35 minuti. A prescindere da questi aspetti, da migliorare, sono ovviamente felice della prestazione: credo sia una piccola dimostrazione di forza, senza Mlinar e dopo una settimana difficile. Civitanova era già matematicamente ai playoff e credo che questo ne testimoni la forza: partita non facile, bravi noi a portarla a casa. Capitanelli ha fatto una grande partita e anzi, forse avremmo potuto cercarlo di più all’inizio; siamo stati bravi a tenere alta la concentrazione su tanti aspetti di questa gara; nessuna delle due squadre ha tirato bene dall’arco, noi abbiamo tirato con il 3/20: ci teniamo le nostre triple per i playoff!! Arriva il momento più bello dell’anno, penso sia stata una stagione regolare positiva e abbiamo migliorato il risultato dell’anno scorso. Adesso, secondo me, abbiamo le carte in regola per giocarcela con tutte, vediamo dove possiamo arrivare”.

Virtus Basket Civitanova – Amatori Pescara 63-73 (10-13; 24.34; 43-58)

Basket Civitanova: Cognigni 2, Tessitore, Cassese 6, Vallasciani 1, Dania ne, Coviello 21, Milosavjevic ne, Felicioni 7, Amoroso 11, Jovencic 9, Marinelli 6.

Allenatore: Raffaele Rossi. 

Tiri dal campo 23/61 (38%); tiri da due punti  21/36 (58%); tiri da tre punti 2/25 (8%); tiri liberi 15/20 (75%); rimbalzi 39, falli commessi 16.

Amatori Pescara: Masciarelli 8, D’Eustachio 2, Drigo 13, Mlinar ne, Bedetti 12, Caverni 7, Pagliaroli ne, Capitanelli 18, Boscherini ne, Leonzio 13.

Allenatore: Stefano Rajola.

Tiri dal campo 30/71 (42%); Tiri da due punti 27/51 (53%); Tiri da tre punti 3/20 (15%); Tiri liberi 10/14 (71%); rimbalzi 41, falli commessi 18.

Articolo offerto da: