Diodati torna in giunta con Bilancio, Sport e Mobilità

Diodati, rientra in GiuntaDiodati rientra in Giunta

Ennesimo rimpasto di giunta al Comune di Pescara: dopo le dimissioni di Civitarese, il sindaco Marco Alessandrini ha richiamato l’assessore Giuliano Diodati, che era stato estromesso nell’estate scorsa.

A Diodati sono state assegnate le deleghe Sport, Bilancio e Mobilità, deleghe che erano rimaste in capo al sindaco. All’assessore Loredana Scotolati la delega all’Urbanistica. Delega speciale per l’area di risulta: la delibera sul parco centrale è pronta e approderà presto in Consiglio Comunale, ad occuparsene sarà il vice sindaco Antonio Blasioli. All’assessore Simona Di Carlo le deleghe a Smart City e Semplificazione Amministrativa.

Alla conferenza erano presenti il sindaco Marco Alessandrini, il vicesindaco Antonio Blasioli, l’assessore Giuliano Diodati, l’assessore Loredana Scotolati, gli assessori Simona Di Carlo e Giacomo Cuzzi, il direttore Generale Pierluigi Caputi, i consiglieri di maggioranza Marco Presutti, Tonino Natarelli, Carlo Gaspari, Maria Ida D’Antonio, Tiziana Di Giampietro, Peppino Bruno, , l’onorevole Vittoria D’Incecco.

“Sono molto contento sia a livello politico che personale di quanto è accaduto oggi – esordisce il sindaco Marco Alessandrini – quando ho chiesto a Giuliano di fare un passo indietro ho provato un grande disagio, le scelte fatte mi hanno profondamente toccato e pensavo che qualora ci fosse stata una possibilità, avrei agevolato il suo rientro in Giunta, perché lui è sempre stato sul pezzo e conosce il valore del lavoro di squadra. ”

“Apprezzo l’atto del sindaco che è stato un atto di grande umiltà – così l’assessore Giuliano Diodati – quando sono uscito io non sono stato tenero nei suoi confronti, ma il nostro rapporto personale in questi mesi è rimasto. Per me non è stata una decisione semplice accettare, ma vivo la politica come una grande passione e credo ci fossero le condizioni per proseguire il lavoro fatto nei primi tre anni di assessorato.  Questi sei mesi non si potevano cancellare con un colpo di spugna, io ho iniziato un percorso distante rispetto al Pd, da cui mi sono sospeso, pur riconoscendomi nell’area del centrosinistra. Al momento lo resto, ma spero si possano creare le condizioni tali per cui anche il mio convincimento possa subire una rivalutazione. Sul fronte amministrativo: continuerò a lavorare sulle materie che mi hanno accompagnato in questi anni, in primis lo sport e spero, a breve, di riuscire a dare buone nuove per i fruitori degli impianti sportivi”.

Articolo offerto da: