Progetto Riscontro, a cosa serve, chi sono i partner

Presentazione progetto RiscontroPresentazione progetto Riscontro

Il Comune di Pescara ha presentato il progetto denominato “Riscontro” per combattere l’evasione fiscale.

Durante la conferenza è stato illustrato il progetto che dei 98 totali figura fra i 19 finanziati, è servita anche a fare il punto sulla situazione economica e finanziaria dell’Ente in presenza del sindaco Marco Alessandrini, dall’assessore alle Politiche Comunitarie Gianni Teodoro, dal direttore del Dipartimento Amministrativo Guido Dezio.

“Abbiamo presentato il progetto che gode di un partenariato importante con ANCI e IFEL, insieme a Venezia Firenze, Lucca e capofila Siracusa – aggiunge il Direttore del Dipartimento Amministrativo Guido Dezio – La situazione dell’Ente è notevolmente migliorata e fa progressi graduali e costanti: stiamo per la prima volta cercando di fare il salto di qualità cercando di utilizzare strumenti più avanzati che riescono a fare il lavoro che col nostro personale non potremmo fare. Contiamo di far decollare il progetto entro l’estate, in contemporanea con l’affidamento in-house della riscossione dei tributi, laddove il Consiglio comunale deciderà in tal senso, e in sinergia con l’avvio del nuovo gestionale che rimetterà a sistema tutta la rete informativa del Comune di Pescara, tramite l’aggiudicataria Maggioli che è un’azienda leader in Italia per il settore. La cassa del Comune è tornata stabilmente positiva e non andiamo da tre anni in anticipazioni di Tesoreria. I tempi dei pagamenti ai fornitori dell’Ente sono scesi a 41 giorni e i crediti totali da 300 sono scesi a quasi 100 milioni, anche questo in soli quattro anni. Sono tutti dati che dimostrano che l’Ente è in buono stato di salute e quindi con capacità di erogare servizi ai cittadini di qualità superiore, avvicinandoci o essendo alla pari delle migliori tradizioni degli enti locali tosco-emiliani”.

“Il progetto migliorerà ancora di più queste cifre – aggiunge l’assessore alle Politiche Comunitarie Gianni Teodoro – Siamo undicesimi nella graduatoria dei progetti presentati a seguito del lancio da parte dell’ Autorità di Gestione del PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020 del primo Avviso pubblico per interventi volti al trasferimento, evoluzione e diffusione di buone prassi fra Pubbliche Amministrazioni, promuovendo forme di cooperazione interistituzionale e diffondendo soluzioni e pratiche amministrative tra le più innovative realizzate nel Paese, contribuendo alla strategia di capacity building sostenuta dal PON Governance. In particolare, gli ambiti di intervento dovevano riguardare l’efficacia e l’efficienza delle procedure; la trasparenza dell’azione amministrativa; i processi di spesa; l’interoperabilità dei sistemi informativi; i sistemi interni di gestione delle Amministrazioni; le procedure di controllo; i processi di approvvigionamento; la semplificazione di bandi; atti e modulistica.

La proposta è volta al trasferimento, all’evoluzione ed alla diffusione della buona pratica “Semplifisco – riscossione e contrasto all’evasione”. Nello specifico verrà messo a disposizione degli enti un sistema informatico avanzato, il know how sulle buone pratiche, procedure e formazione del personale. Inoltre si metterà a sistema anche la banca dati degli enti locali finalizzata a scovare gli evasori. Tale pratica combina, infatti, una soluzione tecnologica ed un sistema di aggregazione ed analisi delle basi dati locali e nazionali nelle disponibilità dei Comuni, con una soluzione organizzativa. Il partenariato è costituito dai seguenti soggetti. Enti Cedenti: IFEL, Lucca, Unione Comuni Modenesi Area Nord, Presidenza Consiglio dei Ministri – Dipartimento Affari Generali Autonomie Sport; Enti Riusanti: Comuni di  Siracusa (beneficiario), Venezia, Firenze, Pescara, Ascoli, Pollica, Ugento.

Il Comune di Pescara ha ritenuto che la partecipazione al progetto RISCONTRO avrebbe consentito il miglioramento delle opzioni organizzative per un efficace contrasto all’evasione e di riscossione coattiva. Tale pratica infatti combina una soluzione tecnologica ed un sistema di aggregazione ed analisi delle basi dati locali e nazionali nelle disponibilità dei Comuni, con una soluzione organizzativa innovativa, fornendo soluzioni e strumenti per una Pubblica Amministrazione più efficiente, efficace e vicina a territori, cittadini e imprese”.

 

 

Articolo offerto da:

Archidea