Riparte il campionato, domani il Pescara a Foggia

stroppastroppa

Riprende il campionato e il Pescara riparte da Foggia, per la prima giornata di ritorno. Contro la squadra dei satanelli, il Pescara deve fare a meno di Zampano che è stato colto da un attaccco influenzale.

Nel corso della conferenza stampa i due tecnici Zeman e Stroppa hanno analizzato la situazione; in primis il tecnico del Foggia potrà contare quasi su tutti i suoi uomini compresi i nuovi arrivati e, sulla partita di domani, dice la sua: “Il Pescara non ha cambiato praticamente nulla, sarà una partita difficile, la formazione abruzzese è ben rodata su quelle che sono le indicazioni dell’allenatore”.

E, a proposito del tecnico boemo, l’allenatore del Foggia spiega: “Sarà una festa, ne sono certo, se partirà un applauso per lui sarò il primo ad alzarmi, è il mio padre calcistico, una persona eccezionale che ha scritto la storia qui a Foggia”. In vista della prima giornata di ritorno, inoltre, un pensiero comune aleggia in casa Foggia e, per questo, il condottiero rossonero tuona: “Voglio vincere allo Zaccheria, voglio che lo Zac possa tornare ad essere il nostro fortino“.

Sarà una partita particolare per il tecnico boemo Zeman, che a Foggia ha vissuto i suoi momenti più belli lanciando veri e propri campioni come: Signori, Baiano e Rambaudi.

Durante la conferenza stampa, Zeman ha dichiarato: “Zampano ha la febbre, Campagnaro c’è. Il Foggia è una buona squadra, gioca tanto ma ha qualche amnesia dietro, hanno fatto qualche acquisto importante per migliorare. Hanno giocato un calcio con tanto possesso, più da Barcellona. Si dovevano rinforzare dietro e l’hanno fatto.

Di Embalo parliamo dall’inizio del campionato, purtroppo il Palermo non ha nessuna voglia di cederlo. Falco l’ho visto stamattina, viene da un infortunio e bisogna valutarlo bene. Yamga ha delle qualità. A oggi se non escono altri è difficile fare altri innesti. Spero che non arrivi più nessuno, eravamo troppi e in questa pausa si è lavorato bene perché eravamo di meno. Ho chiesto un centrocampista, per me il profilo giusto è Mariani del Lugano ma non verrà. Non sempre si può avere ciò che si chiede. Ho bisogno di doppioni, più uno per ogni reparto per arrivare a 25. Per il resto, sono contento di chi è arrivato ma siamo ancora tanti. Gravillon mi piace, ha tanta voglia, visto che è giovane non è ancora in grado di leggere tutte le situazioni in campo ma si applica.
Sono contento di quello che si è fatto sul piano fisico, meno sul piano tattico. Non riusciamo ancora a fare con continuità quello che proviamo.

Zampano quando c’è mi dà soddisfazioni. Non esistono giocatori non sostituibili ma giocatori utili alla squadra, e Zampano è uno di questi. Mi dispiacerebbe perderlo, ma se dovesse andare in Serie A sono contento per il ragazzo. In quel caso potremmo andare su Fiamozzi. Mazzotta è un giocatore utile, sono contento del fatto che sia rimasto, non rischia niente a fine anno perché per le statistiche è il terzo miglior terzino di Serie B e visto che, dato che l’hanno cercato adesso, lo cercheranno anche dopo”.

Mentre il Pescara si prepara alla difficile sfida dello Zaccheria, i fari sono puntati sul calcio mercato il Pescara ha acquistato Kevin Yamga. Arriva in prestito biennale con diritto di riscatto dal Chievo dopo i primi sei mesi di questa stagione in prestito al Carpi.

Oltre ad aver ufficializzato l’acquisto di Yamga, la società ha prelevato in prestito con diritto di riscatto Filippo Falco, esterno del Perugia in prestito dal Bologna, per il ruolo di esterno d’attacco. Il nuovo arrivato darà il via libera alla cessione di Del Sole che ritornerà alla Juventus, proprietaria del cartellino dalla scorsa estate. Sfuma dunque anche l’arrivo dell’attaccante Luca Vido che ha scelto Cittadella, mentre la società pare che sia sulle tracce dell’attaccante Cernaz 19 enne del River Plate.

La partita tra Foggia e Pescara, sarà diretta da Sacchi di Macerata, coadiuvati dagli assistenti Bellutti e Luciano, quarto ufficiale Daniele De Santis di Lecce.

Articolo offerto da: