Città Sant’Angelo, Lungofino a rischio: famiglia bloccata in casa

LungofinoLungofino

Il maltempo ha prodotto emergenze in mattinata nella strada Lungofino di Città Sant’Angelo: Faustino Guardiani, 80enne  cardiopatico, è rimasto bloccato per ore  con la sua famiglia, la figlia ed il nipotino, nonostante le chiamate di soccorso.

“La storia si ripete. A gennaio di quest’anno, per giorni al  freddo  ed  al  gelo,  senza  riscaldamento,  tre  famiglie della  strada  provinciale  Lungofino,  all’altezza del  civico  121,  nonostante  due anni  di  ripetuti  gridi  di  allarme”. Così  Donato Fioriti, della giunta nazionale dell’associazione dei consumatori “Contribuenti Italiani”, presidente  per  l’Abruzzo.

“Faustino  Guardiani  da   anni  – aggiunge  Fioriti-   leva  il  suo  grido  di  allarme,  segnalando  il  grave pericolo che  rappresenta il fosso di scolo comunale, che separa la sua  proprietà  e  quella  di  altre  due  famiglie,  generando importanti dissestamenti dei terreni ed alla sua stessa abitazione. Sul predetto fosse di scolo comunale delle acque piovane non sembra sia stata effettuata una manutenzione periodica  ,  come  anche  una canalizzazione  idonea  a  contenere  le  acque provenienti  a  monte,  che  nell’ultimo  decennio  sono  aumentate,  data  la trasformazione  urbanistica  della  zona  circostante” .

“La figlia del Faustino, Pina Guardiani – prosegue Fioriti- fa notare che stamattina sono rimasti bloccati a casa, con i cancelli elettrici non funzionanti e con l’acqua che giungeva da tutte le parti: delle vere e proprie voragini di acqua nel suo terreno. Ovviamente, è estremamente preoccupata, temendo per la propria abitazione e per la strada provinciale”.

“Rivolgiamo un appello al sindaco -conclude Fioriti- affinché la via venga posta in sicurezza al più presto, anche in previsione della cattiva stagione, che è ormai giunta”.

Articolo offerto da:

Bar Roberto