FederAlberghi, Tocco: “No allo smaltimento dei fanghi portuali nel mare”

Montesilvano spiaggiaMontesilvano spiaggia

FederAlberghi Pescara, a nome degli albergatori di Montesilvano, esprime il proprio dissenso all’eventualità di smaltimento dei fanghi portuali nel mare.

“Esprimiamo una posizione assolutamente contraria, non preconcetta e pregiudizievole a priori” – così Adriano Tocco, vice presidente FederAlberghi Pescara – non si riesce a  capire come la Regione Abruzzo  possa affermare che il turismo rappresenti il volano importante della propria economia e pensi  di  attivare tale scelta senza un attenta valutazione e soprattutto con la dovuta calma”.

“Ci chiediamo  perché  non vi  sia un attenta valutazione  sulla  possibilità di trattare le  sabbie  di escavo  del porto  di Ortona  ed utilizzarle per il rinascimento  in loco. Crediamo fortemente  che gettare via in fondo al mare  oltre 300 mila metri cubi di materiale in un area marina  cosi’ importante,  senza un attento monitoraggio,  denoti la classica scarsa attenzione verso l’ambiente e soprattutto verso un economia di tutto il territorio. Gli operatori turistici dell’ area qualora sarebbero estremamente preoccupati  per le potenziali   conseguenze,  in considerazione  del fatto  che i sedimenti, una volta  gettati in acqua, possono viaggiare  per chilometri interessando anche  il litorale”.

“L’agenzia Europea per l’ambiente- conclude Tocco –   che il mare  Adriatico  è in condizione di fortissimo stress ambientale  e non si comprende assolutamente  come il comitato V.I.A  abbia dato  il consenso al progetto di dragaggio con immersione in mare,  escludendo  una più approfondita  procedura sull’intervento”.

Articolo offerto da:

Archidea