Agroalimentare: tecnologia e innovazione dall’Abruzzo alla fiera Anuga

I titolari delle aziende da sinistra Tenuta Sant'Ilario, Fior di Maiella e Pan DucaleLe aziende abruzzesi alla fiera Anuga

Si è conclusa la partecipazione di 21 aziende abruzzesi alla fiera “ANUGA”, in Germania che,  con cadenza biennale, è la principale manifestazione europea per il comparto agroalimentare, capace di attirare ad ogni edizione circa 160.000 visitatori (di cui il 68% provenienti dall’estero) e 7.000 espositori provenienti da ben 192 paesi.

Il Centro Estero Abruzzo, premiato nel 2011 per la “fedeltà” alla manifestazione con 17 edizioni all’attivo in 34 anni e circa 300 aziende abruzzesi supportate, ha rinnovato anche quest’anno la collaborazione con il Polo AG.I.R.E. proponendo per il 2017 una nuova formula di supporto alle imprese abruzzesi presenti a Colonia. L’evento, organizzato in 10 aree dedicate ai diversi comparti produttivi del settore agroalimentare, dal gourmet ai prodotti da forno e dalle attrezzature ai nuovi servizi per le imprese, si è distinta quest’anno per il notevole flusso di visitatori che di certo ha reso la partecipazione delle imprese della regione ancor più soddisfacente rispetto agli anni passati. Anche per le aspettative che le stesse aziende ripongono in questa manifestazione. Tutte hanno infatti riferito di aver atteso la fiera di Colonia per lanciare delle novità di gamma, frutto di grandi investimenti in ricerca e sviluppo.

Gli Standards Fairtrade sono soddisfatti in ciascun anello della filiera certificata Fairtrade, per assicurare che i produttori di caffè ricevano un prezzo equo per i loro prodotti. Saquella 1856 ha aderito a questo programma di economia solidale perché ha a cuore la tutela dei piccoli coltivatori di caffè ed il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro nei Paesi in via di sviluppo. Il messaggio è che dietro l’acquisto di un caffè  Fairtrade c’è un gesto responsabile e di valore anche etico.

Aziende come Aureli, Casale Paradiso, Rustichella D’Abruzzo e Pan Ducale (oggi realtà di spicco nei loro settori), hanno tenuto a rimarcare come “grazie al Centro Estero hanno avviato un percorso di sviluppo nei mercati esteri che oggi consente loro di tutelarsi dal crollo del mercato interno e di concentrarsi sempre più sullo sviluppo di nuovi prodotti”

“Quella della fiera di Anuga continua a rappresentare un importante appuntamento per le nostre aziende – ha dichiarato il presidente del Centro Estero, Daniele Becci – e della programmazione dell’Ente –  sia per i risultati che le singole imprese riescono ad ottenere grazie alla partecipazione ad una vetrina internazionale di così grande rilievo, ed anche in rapporto all’andamento dei dati export tra l’Abruzzo e la Germania. Per l’agroalimentare, infatti – ricorda il Presidente – quello tedesco è il secondo mercato mondiale dopo gli Stati Uniti con un valore complessivo delle esportazioni pari a 96 milioni di euro (dati 2016) così distribuito:

43% prodotti dell’industria alimentare,  29,40% vini e bevande  e 27,60% prodotti dell’agricoltura e della pesca”.

“Siamo molto soddisfatti della collaborazione con il Centro Estero delle Camere di Commercio d’Abruzzo – ha aggiunto l’amministratore delegato del Polo Agire, Donato De Falcis – per la partecipazione delle imprese agroalimentari del consorzio  alla  fiera di Colonia. L’Anuga rappresenta un appuntamento da non mancare per il nostro settore  che vuole sempre più essere presente sui mercati europei ed esteri. La partecipazione alle fiere costituisce ancora uno strumento di primario interesse per la penetrazione di mercati sia per le aziende che vogliono consolidare la loro presenza che per quelle che fanno i primi passi sui mercati internazionali. Sarebbe necessaria una maggiore attenzione e più investimenti in azioni promozionali che andrebbero a beneficio non solo delle imprese e del commercio ma anche per posizionare la nostra immagine nel contesto internazionale con un imprinting più identificativo tale da mostrare appieno i caratteri del nostro territorio e della qualità dei nostri prodotti”.

Articolo offerto da: