Mobilità elettrica, parte da Pescara il road show nazionale di “Charging City”

Mobilità elettrica. Conferenza Charging CityMobilità elettrica. Conferenza Charging City

E’ partito ufficialmente oggi da Pescara il roadshow di “Charging City”.

Il progetto è stato ideato da Ancitel Energia e Ambiente e finalizzato a promuovere azioni trasversali per eliminare le barriere allo sviluppo della mobilità elettrica, creando una rete attiva e propositiva di Comuni che saranno a contatto ravvicinato con gli esperti del settore.

Il tour, nei prossimi mesi, toccherà le principali città italiane per avviare un dialogo tra i protagonisti di tutta la filiera dell’elettrico e gli amministratori locali.

L’iniziativa  è stata presentata questa mattina all’Aurum di Pescara, patrocinata da Anci Abruzzo e promossa dal Comune di Pescara, dal Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo (Cobat) e da Route220, leader nell’interoperabilità dei punti di ricarica.  Si è inserita nel vasto programma degli Stati Generali della Mobilità Urbana: partendo proprio dall’esperienza della città abruzzese, le istituzioni nazionali e locali e i protagonisti della mobilità elettrica italiana si sono dati appuntamento per discutere del futuro della mobilità sostenibile in Italia.

“La mobilità elettrica – ha detto l’assessore alla Mobilità del Comune di Pescara, Stefano Civitarese Matteucci – è senz’altro un fronte a cui l’amministrazione comunale guarda con grande attenzione. Da questo punto di vista, e in aderenza ai princìpi che hanno ispirato gli Stati Generali della Mobilità Urbana, rivolgiamo una particolare attenzione al trasporto rapido di massa, anche per la peculiare e grande capacità di questo comparto di liberare spazio pubblico e restituirlo ai cittadini come luoghi di incontro e di svago, e alla mobilità, dalla bicicletta a pedalata assistita, il cui mercato è in forte crescita”.

“Come ha stabilito la Commissione Europea – ha spiegato Filippo Bernocchi di Ancitel Energia e Ambiente – entro il 2030 l’Italia deve ridurre del 33% le emissioni di gas serra. Un obiettivo ambizioso che passa necessariamente per un maggiore sviluppo della mobilità elettrica: il progetto ‘Charging City’ va proprio in questa direzione e punta a rimuovere tutti gli impedimenti che ne limitano l’espansione, favorendo il dialogo fra gli stakeholder e il coinvolgimento dei Comuni italiani”.

Tra i promotori dell’iniziativa il Consorzio Cobat, leader in Italia nella raccolta, trattamento e riciclo di pile e accumulatori esausti.

“Il nostro contributo – ha spiegato Giancarlo Morandi, presidente di Cobat – consiste nell’applicare l’economia circolare alla mobilità elettrica, in modo tale da farla diventare doppiamente sostenibile. La vera sfida è il riciclo e il riuso delle batterie delle auto elettriche, che ad oggi sono una componente importante nel costo dei veicoli. Assieme a partner come Cnr, Enel, Politecnico di Milano e Class Onlus siamo al lavoro per riciclare gli accumulatori e/o per riutilizzarli nello stoccaggio di energia da fonti rinnovabili. Non si tratta solo di una questione ambientale: vogliamo recuperare materie prime – e dunque valore – dalle auto, contribuendo ad abbassare i costi di produzione”.

 

Articolo offerto da: