Millo approda a Fontanelle: prima opera in Abruzzo

Uno dei tre muri più grandi al mondo a firma di Millo: gli alloggi popolari di Fontanelle saranno completamente dipinti dallo street artist italianoUno dei tre muri più grandi al mondo a firma di Millo: gli alloggi popolari di Fontanelle saranno completamente dipinti dallo street artist italiano

Uno dei tre muri più grandi al mondo a firma di Millo: così gli alloggi popolari di via Caduti per Servizio a Fontanelle saranno completamente dipinti dallo street artist italiano che ha dipinto i muri nelle periferie più sensibili del mondo.

Francesco Camillo Giorgino, meglio noto come Millo, classe 1979, è stato vincitore del prestigioso “Premio Celeste”. Nel 2014 Millo ha vinto la B.Art competition, una gara tra streetarter che mette a disposizione del vincitore 13 muri nella città di Torino. Roma, Milano, Londra, Parigi e Rio de Janeiro sono solo alcune della città dove è possibile ammirare i suoi lavori. Le opere si distinguono per un uso sapiente del bianco e nero attraverso intricate linee che incorporano elementi di architettura.

L’artista, che ha scelto da anni di vivere a Pescara come città di adozione, da lunedì darà via al Progetto “Pescara Street Style” che prevede la realizzazione di murales artistici in quartieri decentrati della città.

Nei giorni scorsi la conferenza di presentazione dell’opera dove sono stati presentati tappe e progetti illustrati dal sindaco Alessandrini, dall’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo, Flavio Melchiorre, Alessandro Verzella,dall’intero staff del Collettivo Pepe, motore a questo progetto e l’artista.

“Siamo davvero felici che sia la mano di Millo a trasformare una delle facciate dei palazzi di Fontanelle-  così il sindaco Marco Alessandrini – e lo siamo perché l’arte scandirà il passo di una riqualificazione cittadina anche dentro 49 alloggi comunali della zona, dove partiranno a breve attesi lavori di manutenzione per 250.000 euro e dove si concentrano gran parte degli interventi previsti nel bando ministeriale per la riqualificazione delle periferie per 18 milioni di euro. Il bello dell’arte di Millo si unirà all’utile di una riqualificazione urbana che deve passare attraverso tutti gli strumenti. Grazie a Millo per l’opera pensata per la città e per l’opera che si aggiungerà al mosaico di murales che lo rendono noto in tutto il mondo”.

“Mi dà una certa emozione essere in questa veste con Millo, che è un amico e che vidi la prima volta al lavoro ad Ancona nel 2009, ad un Festival di Street art – racconta l’assessore Giovanni Di Iacovo – Si capiva che c’era un talento forte in nuce, infatti oggi è uno dei più grandi e contesi street artist al mondo: era più che giusto farlo lavorare nella nostra città che è anche la sua, nella Pescara a cui è rimasto sempre ancorato per amici, affetti e ricordi e questo testimonia anche il lato umano dell’artista. Grazie anche a Collettivo Pepe che è una delle realtà più strutturate e forti della città sul fronte della creatività e che ha fornito un quadro organizzativo per Millo.

Quest’opera non è solo un tributo da parte di un grande talento, l’intervento di Millo è il primo di una serie di interventi in città, un vero e proprio percorso inedito, che si articolerà attraverso il regolamento dei muri legali perché si possa dare espressione piena ai ragazzi che fanno street-art. Cercheremo di mantenere anche un calendario di mostre per tenere vivo l’interesse”.

“Sono molto orgoglioso di dipingere questo muro a Pescara – aggiunge Millo – Ormai ci vivo, sono venti anni che sono qui e vi ringrazio tutti per avermi dato questa possibilità. Sarà un muro dedicato alla città, uno dei più grandi mai fatti. I maggiori sono a Santiago e Kiev, il terzo sarà nel quartiere di Fontanelle a Pescara. Vorrei ringraziare il Collettivo Pepe perché non è cosa semplice far realizzare un’impresa simile per la prima volta in una città e in una periferia come la nostra. Il lavoro sarà svolto in 8 giorni e farò tutto da solo: un uomo di fronte ad un muro con il pennello e non vedo l’ora di cominciare”.

“Sarà una bella prova – aggiungono Flavio Melchiorre e Alessandro Verzella del Collettivo Pepe – Grazie per averci concesso la possibilità di avviare con Millo un progetto di arte che speriamo di portare avanti anche in altre zone. La presenza di Millo sta creando un tam tam mediatico. Coinvolgeremo anche le scuole perché il work in progress possa diventare indimenticabile come l’opera.  Si tratta di oltre 194 mq di superficie nei quali sono state coinvolte diverse aziende per l’allestimento di quello che è un vero e proprio cantiere e lavoreremo secondo le normative sulla sicurezza per dimostrare che la street art può contribuire a cambiare in meglio la vita di una città”.

 

Articolo offerto da:

Archidea