Presentata la giornata mondiale del donatore di sangue

Conferenza stampa donatore del sangueConferenza stampa donatore del sangue

È stata presentata questa mattina, presso la direzione generale della Asl Pescara, la giornata mondiale del donatore di sangue.

Alla conferenza hanno partecipato Armando Mancini, Direttore Generale della Asl di Pescara, Patrizia Accorsi, direttore Centro Trasfusionale, Anna Di Carlo, Presidente Fidas Pescara e Aldo Spano’, direttore dell’Unità di Raccolta Pescara.

Durante la conferenza stampa il direttore generale Armando Mancini, ha voluto ringraziare il costante lavoro che viene svolto ormai da oltre trent’anni, dalle varie associazioni la Fidas Pescara, l’Avis è il Centro Trasfusionale dell’ospedale Civile di Pescara, definendolo uno dei più efficienti d’Italia.

Anche la Fidas nella giornata mondiale del sangue è scesa in campo, da più di trent’anni è parte attiva all’interno del Centro Trasfusionale dell’ospedale Spirito Santo con cui collabora a stretto contatto e nella massima professionalità.

“Il nostro impegno in questo primo semestre dell’anno è stato quello di divulgare ancora con più vigore il valore del dono del sangue, accrescendo il numero dei check up effettuati su nuovi donatori”, spiega Anna Di Carlo, presidente Fidas Pescara, “siamo consapevoli di come l’attività di informazione debba essere efficace e costante per fare in modo che a vincere sia sempre la solidarietà, e ci muoviamo sempre in questa direzione”.

Ed ecco la solidarietà Fidas tradotta in numeri: al 31 maggio si contavano 12.145 soci donatori di cui 8.379 soci attivi; 463 check up effettuati dal primo gennaio di quest’anno al 31 maggio; 5282 le donazioni di sangue raccolte in questi primi cinque mesi del 2017.

“Donare è importante anche per sé stessi, in quanto si viene sottoposti a una serie di esami gratuiti, che si ripetono nel tempo, e comunque ogni volta che si va a donare”, spiega il direttore del Centro Trasfusionale Patrizia Accorsi, “ma soprattutto è un atto di civiltà e altruismo verso il prossimo, è un gesto concreto per aiutare chi ne ha necessità. E questo bisogno non si spegne mai”.

A ricordarci l’importanza del dono, scendono in campo anche i gruppi sportivi Fidas, attivi in molte discipline, dal ciclismo al podismo, fino allo sci e ai gruppi di camminata amatoriale.

 

Articolo offerto da: