Degrado e incuria nella pineta dannunziana, la protesta dei cittadini

Il tratto della pineta incoltoIl tratto della pineta incolto

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un cittadino in merito allo stato di abbandono e incuria che devasta alcuni tratti della pineta nella riserva dannunziana.

E’ uno scandalo che in una città a vocazione turistica, prossima alla stagione balneare, tra l’altro già esplosa da qualche giorno, un cittadino debba sopportare i disagi del disservizio della nostra Amministrazione. Stavo regolarmente allenandomi, quando ieri ho deciso di modificare il mio percorso e gettarmi alla ricerca di refrigerio nella nostra bella pineta – nel tratto che si affaccia su viale Pindaro – che dovrebbe rappresentare un vanto per la collettività. Macché! Mi sono imbattuto in erbacce alte che tra l’altro hanno provocato la caduta di un mio compagno. Anch’io correvo a stento, con il rischio di inciampare ogni metro o di incappare in chissà cosa. In conclusione, al termine dell’allenamento, ho accusato in serata un fastidioso prurito alle gambe, molto probabilmente provocato dalle erbacce che mi sfregavano gli arti inferiori durante il footing. E ribadisco che si tratta di un luogo frequentato da famiglie con bimbi, sportivi e turisti.

Certo è che non dovremmo essere noi cittadini a correre ai ripari coprendoci con pantaloni lunghi che impediscono un buon allenamento, o, magari, optando per percorsi alternativi quali le strade, respirando così i fumi degli scarichi delle autovetture o, nella più malaugurata delle ipotesi, a rischio di essere investiti. Urge dunque un intervento da parte del settore comunale preposto, atto a ripristinare una condizione ambientale idonea.

Articolo offerto da:

Archidea