Grave episodio omofobo. SI: “Serve subito legge”

Episodio omofobo a PescaraEpisodio omofobo a Pescara

Episodio omofobo a Pescara denunciato dall’Arcigay Chieti. Sinistra Italiana invoca legge per tutelare chi ama

Un ragazzo, volontario di Arcigay Chieti, intorno alle 22 di giovedi sera, dopo aver salutato il proprio fidanzato con un bacio sul lungomare di Pescara, è stato minacciato di aggressione mentre si dirigeva con la sua bici verso casa.

Due individui hanno assistito alla scena a bordo di un’auto e hanno deciso di seguirlo a lungo, anche guidando contro mano, indirizzandogli offese legate al suo orientamento sessuale e minacciandolo di aggressione. Il ragazzo, spaventatissimo, non ha potuto rientrare a casa per non rivelare il suo domicilio. Fortunatamente, mentre la vittima cercava di contattare i numeri di emergenza, una pattuglia delle forze dell’ordine è sopraggiunta mettendo in fuga l’auto. Quanto accaduto e’ stato denunciato dall’Arcigay Chieti.

Su questo grave episodio omofobo si pronuncia Sinistra Italiana attraverso una nota stampa a firma di Paola Messina De Vitis e Marisa D’Alfonso (SI Federazione Provinciale di Chieti) e Daniele Licheri (Sinistra Italiana Abruzzo), invocando quanto prima una legge di tutela:

“Decidi di fare una passeggiata con la persona che ami e, a fine serata, la saluti con un bacio rimandandosi a domani. Pensi che puoi tornare a casa e rilassarti per un nuovo giorno. Ma qualcosa non va.
Vieni preso di mira dalla pochezza della gente, dall’ignoranza, dall’omofobia. Chiedi tutela ma spesso questa anche dalle istituzioni che si barricano dietro la burocrazia, viene meno.
Devi aspettare che ti massacrino, così sarà un ennesimo episodio di cronaca in cui leggeremo poche righe circa un “omosessuale” aggredito da ignoti e lasciato in fin di vita!
Anche in Abruzzo è ora che si proceda verso una legge che tuteli chi ama. Anche in Abruzzo è tempo di una legge contro l’omofobia.
La Federazione SI di Chieti, l’assemblea regionale e Sinistra Italiana tutta si mostrano solidali nei confronti del ragazzo rimasto vittima di insulti omofobi giovedì sera a Pescara, prestando collaborazione ad Arcigay Chieti. 
L’avvocato Cathy La Torre, Responsabile diritti civili, pratiche di autodeterminazione e libertà di Sinistra Italiana, offre il patrocinio gratuito alla giovane vittima dell’ennesimo episodio di omofobia”.

 

Articolo offerto da: