Festival del riso a Città Sant’Angelo, grande riscontro

1° Festival del riso1° Festival del riso

Al 1° Festival del riso svoltosi presso il ristornate “La mugnaia” di Città S.Angelo, le Marche sbancano l’Abruzzo.

Per la cronaca i più votati sono risultati i cuochi Mara e Antonio Di Guglielmo del ristorante “Amarantos” di Castelfidardo che hanno preparato nel migliore dei modi il  “Risotto carnaroli con asparagi selvatici, gamberi rosa marinati all’arancio e trombolotto”. I vincitori, che scrivono per la prima volta il loro nome nell’albo d’oro della manifestazione, sono stati premiati con il trofeo “De Leonibus costruzioni” dal presidente di giuria e noto esperto del settore Santino Strizzi e dal benemerito ricercatore dell’Enea Achille Renzetti al termine di una rassegna con 10 elaborati presenti davanti ad un’apposita giuria. Le piazze d’onore sono andate alla “Bottega Starinieri” di Città S.Angelo con “Risotto con borragine e carciofi” e al ristorante “La mugnaia” con “Risotto con guanciale croccante, puntarelle di cicoria e fave”.

I premi della giuria e della critica hanno visto sorridere il ristorante “Terre & Sapori” di Elice, la lady-chef Maria Elena Lupinetti con “Risotto, borragine e asparagi” e il country-resort “Palomba” di Collecorvino, lo chef Francesco Angelini con “Riso con rape rosse e zafferano”. I piatti sono stati accompagnati dagli ottimi vini firmati Marramiero di Rosciano. Hanno elaborato ottimi piatti anche il Riders Cafè di Montesilvano con lo chef Alfredo Di Francesco, La locanda dei poeti di Pineto con Vincenzo Di Donato, L’Orsa maggiore di Pescara con Nadia Cirillo, il ristorante-stabilimento “Gente di mare” di Montesilvano con Victor Di Lorenzo e la campionessa della cucina in carica Maria Angelucci che ha concluso la serata offrendo dei dolci tipici locali.

“E’ stato un evento originale e molto interessante-ha spiegato l’enogastronomo Santino Strizzi-dal momento che molti abruzzesi non sanno che la nostra regione vanta delle illustri tradizioni in questo settore. Cucinare il riso, poi, è davvero un’arte”.

Articolo offerto da: