Winterseason, il portale dell’informazione turistica

Johnny D'Aloisio, a destra, e il team WinterseasonJohnny D'Aloisio, a destra, e il team Winterseason

Si parla spesso in questo periodo del turismo in Abruzzo e, soprattutto dopo la tragedia di Rigopiano del gennaio scorso, sono fiorite le iniziative per pubblicizzare le tante bellezze naturali della nostra regione.

Abbiamo incontrato Johnny D’Aloisio, il vulcanico ideatore e fondatore di Winterseason, sito no profit, nato dalla passione per la montagna, punto di riferimento in Abruzzo per il turismo invernale e non solo.

Johnny, un breve ritratto di Winterseason.

Winterseason nasce nel 2002 dalla mia grande passione per il web e per la montagna, che andarono a fondersi in quella che, almeno inizialmente, era solo una galleria fotografica online dove raccogliere le foto delle escursioni tra amici.

Come si è evoluto il sito negli anni?

Visto il riscontro positivo, pensai di trasformare la galleria in un sito di informazione turistica. Negli anni Winterseason è stato più volte ripensato e progettato ex-novo, sempre avvalendosi delle tecnologie all’avanguardia nel settore. Iniziai con un semplice elenco delle stazioni principali e coi bollettini della neve, ora WS è il punto di riferimento per gli appassionati della montagna con 250000 visitatori mensili.

Quali sono i servizi che WS offre?

Sono molteplici. Abbiamo un bollettino neve aggiornato ogni 48 ore, anche se nei periodi eccezionali lo aggiorniamo quasi in tempo reale; gestiamo la più grande varietà di webcam della regione, in più ogni stazione ha la sua pagina dedicata, con tutti i prezzi degli skipass. Il portale è inoltre multilingue (italiano, inglese, cinese e russo). E non solo, ci sono sezioni dedicate al trekking, con tanti itinerari spiegati con video e la traccia gps con tutti i dati utili che addirittura è possibile scaricare. Un altro servizio utile è quello che permette di prenotare i vari soggiorni grazie a una partnership con Booking, il leader delle prenotazioni online.

So che però ci sono anche sezioni più particolari, ce ne vuoi parlare?

Sì, oltre alle sezioni di recensioni delle attrezzature, della sicurezza, dei tour virtuali, c’è un’ampia parte dedicata agli sport acquatici, dal mare al rafting sui fiumi. Stiamo preparando anche dei video realizzati con i droni.

Il logo di Winterseason

Il logo di Winterseason

Parliamo di turismo in Abruzzo. Qual è la situazione post Rigopiano?

La situazione non è delle migliori. Gli strascichi di una tragedia simile ce li porteremo per anni; occorre lavorare a livello strutturale, quindi benissimo le campagne promozionali, ma serve ben altro per ricostruire l’immagine dell’Abruzzo. Bisogna puntare su efficienza e tecnologia e non solo sulle bellezze naturali per attirare i turisti stranieri e convincerli che l’Abruzzo è una regione sicura e efficiente, oltre che bella. Spesso non se ne parla, ma la nostra regione è terzultima per numero di visitatori esteri.

E come vedi l’approccio tecnologico al turismo a livello politico?

Come WS ci siamo proposti, ma la politica è immobile su questi temi e non si sposa con le nuove tecnologie che potrebbero migliorare una situazione stagnante. Speriamo che qualcosa si sblocchi.

E speriamo che veramente qualcosa si sblocchi, visto che di iniziative come Winterseason, che uniscono l’inventiva e la creatività del singolo a un servizio di pubblica utilità, nate esclusivamente dalla passione, se ne sente un gran bisogno.

https://www.winterseason.it/ 

Articolo offerto da:

Be the first to comment on "Winterseason, il portale dell’informazione turistica"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*