Maltempo, il resconto dell’emergenza

Nuova emergenza maltempoNuova emergenza maltempo

La Commissione Sport e Sanità presieduta dal Consigliere Adamo Scurti ha ascoltato in audizione il vice sindaco Enzo Del Vecchio, per la sua delega alla Protezione civile. Scopo della riunione è stato stilare un resoconto sulla gestione “emergenza maltempo” di gennaio scorso, argomento pregnante della Protezione civile di cui la Commissione succitata è titolare. E’ giunto apprezzamento concorde da parte di tutti i Commissari per come è stata gestita l’emergenza di dimensioni inaspettate.

“C’è stata massima collaborazione tra i vari organi istituzionali, diversi consiglieri hanno partecipato alle operazioni, chi direttamente dal C.O.C. (Centro Operativo Comunale), chi lungo le strade della nostra città – le parole del vice sindaco Enzo Del Vecchio – La Protezione civile deve essere sempre al massimo della propria efficienza e per questo deve dotarsi di una sede fissa, con personale  reperibile 24 ore su 24”.

Durante la discussione sono venute fuori diverse questioni fra le quali una in particolare è stata oggetto di maggiore attenzione: il sistema di Protezione civile locale ha sicuramente bisogno di una struttura e di un’organizzazione propria che tenga in buon conto i vari cambiamenti climatici e geologici che il nostro territorio sta subendo. Si dovrà mettere in cantiere il continuo monitoraggio del nostro territorio e dotarsi di tutti gli strumenti necessari atti a poter elaborare idonei e specifici “piani di sicurezza” ai fini della migliore tutela dell’incolumità pubblica.

A questo scopo, il presidente della Commissione consiliare, Adamo Scurti, ha assunto l’impegno di seguire e sviluppare il programma di Protezione civile per renderlo sempre più vicino alle esigenze dei cittadini: “Si ringraziano – le parole di Adamo Scurti – quanti, nei giorni caldi dell’emergenza, hanno partecipato alle operazioni: Comune di Pescara, Polizia municipale, Prefettura, Questura, Carabinieri, Guardia di Finanza, Protezione civile, Associazioni di protezione civile, Associazioni cittadine di Primo Soccorso e infine i cittadini tutti che responsabilmente si sono adoperati con senso civico e abnegazione”.

Articolo offerto da: