Rigopiano, il piccolo Edoardo Di Carlo perde entrambi i genitori

Il direttore sanitario dell'ospedale di Pescara Rossano LuzioIl direttore sanitario dell'ospedale di Pescara Rossano Luzio

Continua lo stato di allerta all’ospedale di Pescara. Si respira aria di attesa, angoscia per i parenti presenti da giorni al nosocomio pescarese, in attesa di notizie che giungano da Rigopiano, luogo della tragedia.

Nella giornata di sabato il nosocomio ha diramato due bollettini medici, a farlo è stato il direttore sanitario dell’ospedale civile di Pescara, Rossano Luzio; nel primo bollettino sanitario emanato alle ore 11 la Asl ha dichiarato: “Si informa che risultano presenti presso questo ospedale civile di Pescara i seguenti pazienti: 4 bambini: Gianfilippo e Ludovica Parete, Edoardo Di Carlo, Samuel Di Michelangelo. 5 adulti: Adriana Vranceanu, Francesca Bronzi, Vincenzo Giorgia Galassi, Giampaolo Matrone. Le condizioni cliniche dei ricoverati sono buone, solo un paziente è attualmente in sala operatoria per un intervento chirurgico all’arto superiore destro. La prefettura ha già informato i familiari dell’identità di tre vittime. Ai familiari va il nostro senso di solidarietà e vicinanza. La nostra struttura rimane in allerta per accettare eventuali altri pazienti.”

Nel secondo bollettino sanitario, delle 17,30 il direttore sanitario ha informato i giornalisti sulle condizioni del paziente operato: “Le condizioni del paziente operato questa mattina sono discrete; lo stesso è sottoposto a monitoraggio continuo per la valutazione dei parametri vitali. Da oggi, lunedì, eccetto che per il paziente operato, verranno valutate le probabili dimissioni. I 4 bambini stanno per essere trasferiti in Pediatria”.

Nell’ultimo bollettino sanitario di domenica, la Asl ha reso noto: “I quattro bambini, come anticipato, sono stati trasferiti presso il reparto di Pediatria; Quattro degli adulti nel corso del pomeriggio, eccetto il paziente operato saranno trasferiti nei reparti di degenza. Le condizioni del paziente operato ieri sono stazionarie. Il decorso post operatorio regolare. Nei prossimi giorni potrà essere valutata la funzionalità dell’arto. Nella giornata di lunedì, eccetto che per il paziente operato, verranno valutate la possibilità di dimissioni”.

Il bilancio provvisorio della tragedia di Rigopiano, parla di 6 vittime, 11 superstiti e 23 dispersi, intanto sono state identificate già le cinque vittime, si tratta di Alessandro Giancaterino, maître dell’Hotel Rigopiano, Gabriele D’Angelo cameriere dell’albergo, Nadia Acconciamessa di anni 48 e Sebastiano Di Carlo, di anni 49 genitori del piccolo Edoardo Di Carlo e Barbara Nobilio di 51 anni di Loreto Aprutino. I parenti lanciano un ulteriore appello disperato ai soccorritori: “Cercateli nei bunker”.

Mentre gli uomini del soccorso continuano a scavare e si dicono ottimisti di trovare altre persone vive cresce la speranza di riabbracciare un proprio caro. Intanto ieri all’ospedale di Pescara, è intervenuto il vice ministro Bubbico, dichiarando: “I soccorritori stanno lavorando con grande determinazione, con grande forza, con grande professionalità e con ogni mezzo per riuscire a trovare le persone che sono lì sotto. Pur in assenza di segnali sono state trovate le persone. Il fatto che non ci siano rumori – ha spiegato il vice ministro Bubbico – non significa nulla, perché le squadre di soccorso hanno raccontato di aver rotto delle murature che impedivano l’accesso alla struttura”.

Il vice ministro ha poi incontrato i parenti delle persone rimaste coinvolte nella tragedia per esprimere la vicinanza del governo in un momento così difficile. Il prossimo bollettino medico sarà diramato alle 17 di oggi, lunedì 23.

 

 

 

 

 

 

 

Articolo offerto da:

Bar Roberto